QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val Rendena: le riprese del documentario “Sharp families” si spostano a Londra

venerdì, 17 ottobre 2014

Pinzolo – Le riprese del documentario “Sharp Families”  si spostano in Inghilterra. L’epopea delle famiglie dei “moleti” che dalla Val Rendena portarono l’arte di affilare le lame praticamente in tutto il mondo, sta per diventare un documentario dal titolo “Sharp families” (famiglie “taglienti”) del regista trentino Patrick Grassi. Le riprese, cominciate quest’estate a Carisolo, proseguiranno nelle prossime settimane a Londra, una delle città gli arrotini rendeneri hanno fatto fortuna.

“Sharp families” è prodotto da Jump Cut in co-prArrotino 1oduzione con Zalab, con il co-finanziamento della Trentino Film Commission e il sostegno di alcune realtà territoriali: il Comune di Carisolo, la Pro Loco di Carisolo, la Cassa Rurale di Pinzolo, il Centro Studi Judicaria, l’Associazione Trentini nel Mondo, l’Associazione La Trisa e il network Children of Pinzolo.

Il documentario parte dalla storia, raccontando come nacque in Rendena l’arte dell’affilare coltelli e forbici usando l’energia generata da una semplice bicicletta, ma illustra anche il percorso di integrazione e di affermazione delle famiglie dei montanari rendeneri che emigrarono a Londra (ma anche in Svizzera, in Germania, in Austria e, poi, in Canada e negli Stati Uniti) portando con sé le preziose ruote in legno ferrato. Trascorso il tempo del lavoro ambulante, oggi figli e nipoti di quegli emigranti hanno trasformato la professione dell’arrotino nel Rental Service, cioè l’affitto settimanale a ristoranti, alberghi e macellerie di set di coltelli sempre affilati, un business da 10 milioni di sterline realizzato da piccole e medie imprese a conduzione familiare, che si sono messe in rete tra loro grazie ad un’associazione di compaesani.

Le riprese in Val Rendena hanno documentato il rientro per le vacanze di due famiglie storiche di “moleti” alle quali i vecchi emigranti, oltre all’arte dell’affilatura, hanno tramandato anche il forte legame con il territorio d’origine. Ora il regista Patrick Grassi si è spostato a Londra per mostrare cos’è diventato oggi il lavoro dell’arrotino. Tra i protagonisti della storia ci sono un vecchio “moleta” e due giovani: li seguiremo nella gestione delle loro piccole aziende familiari che consegnano coltelli pronti per l’uso in ristoranti di lusso, macellai islamici, fast food e tavole calde di tutta Londra e che affilano quelli ritirati dai clienti nei laboratori ricavati dai garage di casa o in piccoli magazzini. Un esempio di come i trentini abbiano saputo sfruttare una lontana tradizione, facendone un business innovativo e redditizio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136