QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tragedia sulle cime del Brenta: alpinista cade alla Bocchetta dei Camosci durante un’escursione

giovedì, 7 agosto 2014

Madonna di Campiglio – Tragedia sulle montagne del Brenta. Oggi pomeriggio, alle 17.20, il Soccorso alpino – Servizio provinciale Trentino è intervenuto per un incidente mortale che si è verificato sulla via della Bocchette, nel Gruppo di Brenta, dove ha perso la vita un escursionista francesce, precipitato per circa 60 metri.soccorso alpino

L’uomo faceva parte di una comitiva di nove francesi, con al seguito una guida alpina, anche lei francesce. La comitiva di escursionisti era partita dal Rifugio Pedrotti con l’intenzione di percorrere la Via delle Bocchette centrali, poi le Bocchette Alte e quindi giungere in serata al Rifugio Tuckett, dove pernottare. Giunti, però, all’altezza dello Spallone dei Massodi, per cause da accertare, lo sfortunato escursionista, è caduto, precipitando in un dirupo per circa 60 metri, non lasciandogli scampo.

La guida alpina, constatata la morte dell’uomo, dato che il quel punto i cellulari non avevano campo, ha proseguito con il resto della comitiva fino a quando è riuscito a telefonare all’agenzia che aveva organizzato il viaggio. Quest’ultima ha quindi chiamato i soccorsi, telefonando, al 118, alla Centrale Operativa di Trentino emergenza.

L’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso alpino trentino, di concerto con la Centrale operativa di Trentino emergenza, ha quindi inviato sul posto l’elicottero e i tecnici della Zona Adamello Brenta. Al momento in cui sono scattati i soccorsi nella zona imperversava il cattivo tempo, poi le condizioni meteo sono migliorare e i soccorritori sono riusciti a individuare il corpo dell’escursionista, il quale è stato ricomposto e caricato con il verriccello sull’elicottero e trasportato presso la camera mortuaria di Madonna di Campiglio.

IERI
Ieri pomeriggio il Soccorso alpino è inoltre intervenuto per un deltaplanista precipitato sopra tre abeti in un bosco in località Vetriolo, nei pressi di Levico. L’Area operativa Trentino orientale, di concerto con la Centrale operativa di Trentino emergenza, ha inviato sul posto i tecnici della Zona Valsugana-Tesino che, arrampicandosi sugli alberi, hanno recuperatIntervento soc alpino deltaplanoo il deltaplanista, rimasto appeso con la vela nel vuoto per circa 20 metri e miracolosamente illeso.(Nella foto a lato il recupero del deltaplanista) 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136