Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Statale 239 di Campiglio, Ponte sul Sarca: via libera al progetto esecutivo di ripristino e avvio dei lavori a metà gennaio

giovedì, 28 dicembre 2017

Strembo – Approvato nei giorni scorsi dalla Conferenza dei Servizi il progetto esecutivo riguardante il ripristino della funzionalità del ponte sul fiume Sarca, sulla statale 239 di Campiglio, tra gli abitati di Strembo e Bocenago, chiuso il 9 agosto scorso per un cedimento dei tiranti di ancoraggio. I lavori partiranno, compatibilmente con le condizioni meteoclimatiche della zona, già a partire dalla seconda metà del mese di gennaio 2018.

ponte sarcaIl progetto esecutivo prevede il ripristino del vincolo tra l’impalcato e la zavorra di fondazione del viadotto sul Sarca. La sua approvazione costituiva l’ultimo passaggio amministrativo necessario prima dell’avvio dei lavori. Come si ricorderà, lo scorso agosto si era verificato un cedimento dei tiranti di ancoraggio del viadotto in corrispondenza della spalla Sud, che aveva compromesso la sicurezza del manufatto.

L’intervento previsto consiste nella realizzazione di una nuova struttura metallica di contrasto ancorata alla zavorra di fondazione e all’impalcato, che renderà possibile l’impiego di martinetti idraulici al fine di ripristinare le condizioni originali del vincolo e quindi la integrale funzionalità del ponte. La messa in contrasto definitiva dell’opera sarà garantita dalla posa di nuovi appoggi in neoprene armato.

Le lavorazioni saranno avviate, compatibilmente con le condizioni meteoclimatiche della zona, già a partire dalla seconda metà del mese di gennaio 2018. Il ponte ha una decina di anni di vita, misura in tutto circa 150 metri ed è a tre campate: una principale, di circa 90 metri, più due laterali di circa 15 e 46 metri.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136