QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Snowboard, c’è l’Italia in finale a Milano: il trentino Maffei stupisce a Big Air

sabato, 11 novembre 2017

Milano – Lo aveva annunciato il Presidente FISI Flavio Roda: l’Italia dello snowboard è giovane, ma ambiziosa, e a Milano vorrà farsi valere. Detto, fatto: le qualificazioni maschili della prova di snowboard a Big Air and The City hanno regalato ai tifosi la prima, piacevole sorpresa di questa edizione, e a firmarla è stato un ventiduenne venuto da Madonna di Campiglio (Foto Nadia Mondello).

maffeiAlberto Maffei ha infatti prenotato fin dal mattino il miglior risultato personale in Coppa del Mondo, guadagnandosi nel secondo heat di qualificazione una sorprendente qualificazione fra i magnifici dieci che si esibiranno in finale dalle ore 19.00, con l’Albero della Vita illuminato a fare da splendido sfondo. Maffei ha fatto urlare i tifosi italiani con un primo salto da 87.25 punti, che lo ha posto in scia ai migliori di una heat estremamente competitiva, guidata con 90.00punti dall’americano Chris Corning, davanti al canadese Antoine Truchon (89.75), e i due finlandesi Rene Rinnekangas (89.00) e Roope Tonteri (88.00).

Sono felicissimo del mio miglior risultato in Coppa del Mondo, è arrivato grazie a un Backside 1440 Triple Cork, una manovra su cui ho lavorato tanto proprio perché sapevo che poteva regalarmi la finale, soprattutto in un Big Air. Gareggiare in Italia mi ha dato qualcosa in più, e – lasciatemelo dire – la vista su Milano da lassù e da paura!” ha raccontato Maffei, ancora sensibilmente emozionato.

Nella prima heat, netto il dominio di un altro statunitense, Kyle Mack, che con 92.50 punti ha fatto segnare lo score migliore della mattinata. Dietro di lui, distanziati, il Giapponese Hiroaki Kunitake (85.75), l’altro statunitense Redmond Gerard (84.75), il numero 1 del ranking mondiale Seppe Smits (79.00) ed il ceco Petr Horak (Repubblica Ceca), che completano quindi la line-up al via dalle ore 19.00.

In campo femminile, a conquistare la finale sono state Silje Norendal (Norvegia, 88.75), Laurie Blouin (Canada, 88.50), Anna Gasser (Austria, 88.00), Cheryl Maas (Olanda, 86.00), Katie Ormerod (Gran Bretagna, 83.00) e Sina Candrian (Svizzera, 82.50). Niente da fare per la giovanissima Margherita Merighetti, ma con i suoi 17 anni, alla trentina non mancheranno le occasioni di rifarsi.

L’appuntamento è ora per le finali delle ore 19.00, che sarà possibile seguire in diretta anche in TV su RaiSport ed Eurosport.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136