QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Roverè della Luna: devastò la scuola a febbraio, incastrato dalle impronte e arrestato dai carabinieri

domenica, 21 agosto 2016

Roverè della Luna – Devastò una scuola a Roverè della Luna (Trento), i carabinieri incastrano giovane trentino. Fatali le impronte lasciate. Aveva compiuto un furto e danneggiamenti nella notte del 27 febbraio 2016 presso l’Istituto comprensivo elementare e medie di Roverè della Luna. Giovane trentino incastrato dalle impronte lasciate.furto scuola rovere della luna 10

I militari del comando Stazione di Roverè della Luna hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari disposta dalla Procura di Trento, per furto aggravato e danneggiamento nei confronti di D.C., pregiudicato di Trento, che nel mese di febbraio 2016 si era reso autore nel corso della notte tra i giorni 26 e il 27 del furto e di importanti danneggiamenti all’interno della scuola elementare e media di Roverè della Luna.

Nell’occasione aveva rubato, tra l’altro, dispositivi elettronici e denaro contante destinati agli alunni e danneggiato gravemente suppellettili, arredi e altro materiale in uso ai ragazzi della scuola.

Al tempo l’accaduto aveva destato preoccupazione tra i residenti del piccolo centro perché, in passato, non si erano registrati analoghi episodi.

I militari della stazione carabinieri, guidati, dal Maresciallo Capo Antonio Vavalle, nell’effettuare il sopralluogo erano riusciti ad individuare, isolare e cristallizzare delle impronte, che venivano inviate al Reparto Investigazioni scientifiche (RIS) di Parma. A seguito degli accertamenti tecnici, la risposta del RIS dava esito positivo, riuscendo ad identificare l’autore del reato: D.C., 20enne trentino, già persona nota alle forze dell’ordine sempre per reati contro il patrimoni in genere.

L’uomo, dopo la notifica del provvedimento cautelare, è a disposizione dell’autorità giudiziaria trentina e dovrà rispondere di furto aggravato, danneggiamento, mentre continuano le indagini finalizzate per l’identificazione di “eventuali” suoi complici.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136