QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Rinnovata la Commissione per la Pianificazione territoriale e il Paesaggio delle Giudicarie: le nomine

venerdì, 18 settembre 2015

Madonna di Campiglio – Il Comitato Esecutivo (ex Giunta) della Comunità delle Giudicarie ha provveduto recentemente al rinnovo della Commissione per la Pianificazione territoriale e il Paesaggio (CPC), come previsto dalla Legge provinciale per il governo del territorio del 4 agosto 2015 n. 15.piazza madonna di campiglio

Giorgio Butterini ha assunto la presidenza della Commissione, in quanto Presidente della Comunità a seguito delle elezioni del luglio scorso, mentre la Provincia ha individuato nell’architetto Alberto Cipriani l’esperto di nomina provinciale. Sono rimasti invariati gli altri membri della Commissione, poiché il Comitato Esecutivo ha valutato positivamente l’attività svolta nella precedente legislatura e, data la professionalità, la competenza e l’esperienza con cui tali commissari hanno affrontato il loro compito, ha ritenuto opportuno procedere alla conferma.

Pertanto, oltre all’architetto Maurizio Polla, dipendente della Comunità, sono stati nominati l’architetto Dante Donegani esperto in ambito urbanistico architettonico, l’ingegner Massimo Favaro esperto in ambito urbanistico architettonico e il professor Annibale Salsa esperto in ambito storico culturale. Non fa più parte della Commissione il dottor Albert Ballardini, che ha rassegnato le dimissioni nel luglio scorso a seguito delle elezioni comunal,i in quanto chiamato a ricoprire la carica di vicesindaco del Comune di Pinzolo.

Con l’entrata in vigore della nuova legge provinciale per il governo del territorio, sono state modificate le competenze relative alla Commissione per la pianificazione territoriale e il paesaggio di Comunità (CPC). In particolare alla stessa spetta rilasciare le autorizzazioni paesaggistiche di competenza nei casi previsti dalla legge, per i piani attuativi che interessano zone comprese in aree di tutela ambientale e per gli interventi riguardanti immobili soggetti alla tutela del paesaggio;

Quando non è richiesta l’autorizzazione paesaggistica, spetta alla Commissione esprimere parere obbligatorio sulla qualità architettonica:

  • dei piani attuativi, con esclusione dei piani guida;
  • degli interventi di ristrutturazione edilizia consistenti nella demolizione e ricostruzione e sulle varianti di progetto relative a tali interventi, fatta eccezione per quelle in corso d’opera;
  • dei progetti di opere pubbliche consistenti in interventi di nuova costruzione e ristrutturazione di edifici destinati a servizi e attrezzature pubbliche e, negli insediamenti storici, in interventi di sistemazione degli spazi pubblici;
  • degli interventi autorizzati con la disciplina della deroga urbanistica e degli interventi di demolizione e ricostruzione di carattere straordinario riguardanti gli edifici storici.

Importante novità riguarda il coordinamento delle competenze della CPC e della Commissione Edilizia Comunale (CEC), in modo da garantire che un medesimo piano, progetto o intervento vengano esaminati una sola volta evitando inutili sovrapposizioni procedimentali. La nuova Legge provinciale stabilisce pertanto che la CPC, quando esprime il parere obbligatorio su detti piani attuativi, progetti o interventi e quando rilascia l’autorizzazione paesaggistica, è integrata dal Sindaco e dall’Assessore all’urbanistica del Comune interessato, che partecipano con diritto di voto; in tali casi spetta al Comune la verifica della conformità urbanistica ai fini del rilascio del provvedimento finale.

La Commissione per la Pianificazione territoriale e il Paesaggio della Comunità proseguirà il lavoro per favorire uno sviluppo sostenibile che tenga conto dell’identità plurale e delle specificità delle Giudicarie. Inoltre sarà al fianco dei Comuni che potranno avvalersi della stessa qualora non intendano istituire la CEC, esprimendo pareri in sostituzione di questa. Inoltre i Comuni potranno chiedere alla Commissione della Comunità altri pareri previsti dai Regolamenti edilizi comunali, anche in luogo del parere della CEC.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136