QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ricerca sul turismo, a Campiglio sono in crescita le presenze dei russi

lunedì, 20 maggio 2013

Madonna di Campiglio – Puntare sul turismo straniero, in prevalenza dell’Est Europa, e ridurre i costi.  In sintesi i risultati della ricerca effettuata da una società specializzata, la Scouting, per conto della Casse rurali Adamello Brenta e Pinzolo che è stata presentata al Palacampiglio. La disponibilità delle oltre 130 strutture alberghiere tra Madonna di Campiglio e Pinzolo è di 8 mila posti letto, con un utilizzo maggiore nel periodo invernale dove si contano mediamente  cinque mesi di apertura contro i tre dell’estate.Rifugio-Graffer-2_slideshow

Dall’indagine economico-finanziaria emerge un quadro alquanto differenziato: i turisti italiani sono in flessione, mentre aumentano russi e tedeschi.  Secondo lo studio la disponibilità finanziaria degli stranieri è attorno ai 140 euro giorno, mentre per gli italiani è di 103 euro. Altro dato: il tempo di permanenza medio è di dieci giorni per gli stranieri, una settimana per gli italiani. E’ inoltre apprezzata la ricettività turistica, soprattutto quella alberghiera che è stata definita ottima nella ricerca. Il lato dolente è rappresentato dalla bassa redditività degli alberghi con una percentuale vicina al 3 per cento per le strutture a quattro stelle, qualcosa meno per gli alberghi a  tre stelle. I problemi evidenziati sono nei costi della gestione delle strutture alberghiere, in particolare del personale. La ricerca traccia alcune conclusioni importanti relativa alla gestione unica della struttura turistica, ossia di un unico punto di riferimento, l’Azienda di Promozione Turistica che deve essere “il motore del turismo della valle”  e con l’abbassamento dei costi delle strutture alberghiere senza però penalizzare la qualità del servizio per evita re l’effetto boomerang tra i turisti. Infine, è questo è il messaggio principale uscito dall’incontro al Paladolomiti, occorre puntare sulla promozione verso i Paesi stranieri per far conoscere le località della valle e catturare un maggior numero di turisti. Le iniziative devono però essere comuni con la cabina di regia unica, Possibilmente dell’Apt, che già opera sul territorio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136