QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pinzolo: sfida in piazza pro e contro Daniza. Scoppia la polemica tra animalisti e residenti della Val Rendena

sabato, 23 agosto 2014

Pinzolo – Protesta pro Daniza, anzi no a favore di Daniele, il cercatore di funghi che è stato aggredito dall’orsa la mattina di Ferragosto. Nel pomeriggio la località della Val Rendena, dove è avvenuto l’episodio il 15 agosto, ha visto una massiccia presenza di carabinieri e poliziotti, più di quando sono arrivati i 10 mila tifosi della squadra nerazzurra lo scorso luglio.Pinzolo protesta 2

Invece davanti al Paladolomiti si contavano non più di 250 attivisti di diverse associazioni animaliste che si sono ritrovati per manifestare in favore di Daniza, l’orsa importata in Trentino grazie al progetto Life Ursus, “colpevole” solo di aver protetto i suoi cuccioli. Tutti quindi in difesa dell’orsa e dei suoi cuccioli.

Dall’altro lato un gruppo – di almeno 200 persone residenti in Val Rendena – che si è schierata a favore della cattura e abbattimento di mamma orsa. Non sono mancati momenti di tensione il corteo dei “difensori” di Daniza hanno percorso qualche centinaio di metri tra insulti e provocazioni. Due gli slogan: “Daniza è già nel freezer” “io sto con Carnera”. Gli ambientalisti hanno invece lanciato la sfida a difesa di Daniza.

La vicenda dell’orsa Daniza divide sempre più e le manifestazioni di questi giorni, a Trento con l’assalto alla sede della Provincia e oggi a Pinzolo, hanno sicuramente rinfocolato le polemiche. La Provincia di trento fa sapere che va avanti nell’obbiettivo “di catturare e non abbattere l’orsa Daniza”. I prossimi giorni saranno decisivi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136