QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pinzolo, delitto di Lucia Bellucci: inizia a Trento il processo nei confronti dell’avvocato Vittorio Ciccolini

mercoledì, 8 ottobre 2014

Pinzolo – Inizia oggi in tribunale a Trento il processo con rito abbreviato nei confronti di Vittorio Ciccolini, l’avvocato di Verona reo confesso dell’omicidio della manager Lucia Bellucci uccisa a Pinzolo (Trento). Oggi in aula ci saranno i familiari della giovane e gli amici. (Nella foto sotto a sinistra Lucia Bellucci e a destra Vittorio Ciccolini).BellucciCiccolini

L’omicidio risale alla sera del 9 agosto 2013, quando Vittorio Ciccolini, 46 enne, ex fidanzato della giovane – la quale si trovava a Pinzolo per gestire il centro benessere di un hotel di proprietà dell’imprenditore di San Lorenzo in Campo, Massimo Biagiali.

L’avvocato veronese raggiunse la località di villeggiatura trentina, quindi uscì a cena e poi la colpì a morte – con almeno tre coltellate – dopo una cena in un locale di Spiazzo Rendena.

Nei confronti dell’avvocato pende l’accusa di omicidio premeditato con due ulteriori aggravanti. La giovane donna era stata portata dall’avvocato Ciccolini in una strada isolata, e non ha potuto chiedere aiuto, inoltre l’avvocato avrebbe agito per vendetta. Vittorio Ciccolini è difeso dai legali Umberto De Luca, Marco Stefenelli e Cristina Ciurli. La famiglia Bellucci è assistita da Giuseppe Galli e Giulia Buongiorno. Oggi ci sarà la prima udienza con le eccezioni preliminari. Il rito abbreviato consentirà a Ciccolini uno sconto di pena di un terzo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136