QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pinzolo: morte dell’orsa Daniza, la Procura di Trento chiede l’archiviazione dell’indagine

mercoledì, 24 dicembre 2014

Trento – La Procura di Trento ha chiesto l’archiviazione del procedimento aperto dopo la morte dell’orsa Daniza, avvenuta nell’agosto scorso in seguito alla somministrazione di narcotico usato per la sua cattura del plantigrado. Secondo il procuratore Giuseppe Amato non sono ravvisabili responsabilità penali nell’operazione condotta dai forestali in esecuzione di un’ordinanza della Provincia di Trento che intendeva salvaguardare gli abitanti da possibili rischi dovuti alla pDaniza 1 - orsaroblematicità del plantigrado. Se le procedure per la cattura e la dose di narcotico usata sono risultate corrette, per la Procura di Trento l’unica responsabilità va addebitata al veterinario che avrebbe gestito male la fase di crisi seguita alla somministrazione del narcotico. Secondo la Procura di Trento “Il problema è insorto per la non adeguata capacità del veterinario di contrastare in modo efficace la complicanza della narcosi, sostanziatasi nella ipossiemia indotta dalla medetomidina”. In mancanza di rilevanza penale, il procuratore Amato indica una strada: “sarà la competente autorità amministrativa a dettare le opportune indicazioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136