QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Pinzolo, fallimento cantina Opera Cembra: Guardia di Finanza sequestra oltre 7mila bottiglie nascoste

giovedì, 15 marzo 2018

Pinzolo – Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Trento, nell’ambito delle indagini per bancarotta fraudolenta che vedono coinvolti a oggi otto soggetti che ruotano attorno alla cantina “Opera Cembra”, ha sequestrato oltre settemila bottiglie di spumante DOC non etichettato, nascoste in un magazzino privato di Pinzolo (Trento).

gdfI Finanzieri, dopo l’operazione condotta dieci giorni fa nei confronti della nota azienda vitivinicola in fallimento che ha portato al sequestro a Verla di Giovo (Trento) di duecentomila bottiglie di spumante per un valore, alla produzione, di oltre 1,5 milioni di euro, hanno continuato le indagini per verificare se vi fossero stati altri episodi di sottrazione di beni dall’attivo fallimentare dell’azienda.

Le attività investigative si sono concentrate su due elementi: la raccolta di informazioni sul territorio e l’esame delle riprese video operate attraverso le videocamere dei comuni della valle, per intercettare tutti i movimenti sospetti di automezzi.

Dall’incrocio delle informazioni i Finanzieri hanno individuato a Pinzolo (Trento) un magazzino privato riconducibile a uno dei professionisti indagati: le Fiamme Gialle, richiesto un decreto di perquisizione e sequestro alla Procura della Repubblica di Trento, hanno effettivamente trovato, nascosti nel magazzino dietro alcuni grandi pannelli termoisolanti, circa 5.300 lt. di vino spumante DOC (contenuto in n. 7.056 bottiglie), oggetto di fraudolenta distrazione dall’attivo fallimentare, per un valore complessivo, al dettaglio, di oltre 120mila euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136