QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad


Pinzolo, concluso il Campionato trasporto infermi: 21 anni di solidarietà sugli sci

domenica, 28 gennaio 2018

Pinzolo – Si è conclusa oggi a Pinzolo la 21ª edizione del Campionato italiano sci operatori trasporto infermi organizzata dall’Associazione Volontari Soccorso trasporto infermi (Sti) di Pinzolo-Alta Rendena. Nel segno della solidarietà, da più di vent’anni, il Campionato, con teatro di gara le piste del Doss del Sabion per lo slalom gigante e la pista Frassanida di Carisolo per lo sci di fondo e le ciaspole, richiama da tutta Italia centinaia di volontari impegnati nel soccorso alle persone in difficoltà e in pericolo di vita. Quest’anno, ad arrivare a Pinzolo, sono stati 360 operatori suddivisi in 34 squadre iscritte alla due giorni di competizioni sulla neve. Insieme a loro altre200 persone tra famigliari e accompagnatori al seguito. Dal Trentino fino alle Marche, le province e regioni di provenienza delle delegazioni che sabato hanno partecipato alla sfilata ufficiale accompagnate dalle bande musicali di Pinzolo e Caderzone Terme. Il trentino Castello Tesino e il modenese Fiumalbo, i comuni che vantano la partecipazione a tutte le ventuno edizioni del Campionato.

Ogni anno, l’evento è abbinato ad un progetto di solidarietà messo in campo dall’Associazione Trasporto Infermi di Pinzolo-Alta Rendena. L’anno scorso, insieme ai colleghi di Castello Tesino, si è trattato della donazione di una casa ad una famiglia di Visso, paese terremotato in provincia di Macerata; quest’anno, invece, l’attenzione è stata rivoltaad un’iniziativa locale con la donazione di un assegno di 4.000 euro a Comunità Handicap, l’associazione delle Giudicarie che si occupa di aiutare e sostenere le persone disabili e le loro famiglie. L’assegno, con fondi provenienti dalla degustazione proposta venerdì sera e direttamente da risorse messa a disposizione da Sti, è stato consegnato al presidente di Comunità Handicap Fabio Bazzolidurante la cerimonia di apertura. La donazione sarà destinata al progetto “Più spazio a Spazio aperto” che prevede l’ampliamento dell’attività del Centro diurno giovani e adulti e il potenziamento delle attività riabilitative territoriali per i minori con disabilità.

Alla cerimonia di apertura, numerose le autorità locali e provinciali intervenute, dal sindaco di Pinzolo Michele Cereghini fino al vicepresidente del Consiglio regionale Lorenzo Ossanna e all’assessore provinciale al turismo e agricoltura Michele Dallapiccola. Il significato di tutta l’iniziativa bene lo ha sintetizzato il presidente dell’Associazione Trasporto infermi Pinzolo-Alta Rendena Tiziano Bonenti: “Un ritrovarsi insieme per condividere il lavoro e le esperienze di tanti volontari che mettono a disposizione il loro tempo e le loro energie per il bene degli altri”.

Tra le novità della 21ª edizione, la dimostrazione di soccorso in valanga, organizzata dalla Stazione del Soccorso alpino di Pinzolo con i Carabinieri di Carisolo, che ha suscitato molta attenzione da parte del pubblico presente. Dalla chiamata del soccorso al trasporto dei feriti in ospedale, è stato illustrato con precisione cosa accade quando si viene investiti da una valanga e quali sono le tecniche di intervento, ricerca e soccorso: dall’utilizzo delle sonde alla ricerca dei dispersi con i cani da valanga. Protagonista della simulazione di sabato il cane Dante, arrivato con il suo istruttore dalla stazione del Soccorso alpino di Riva del Garda, che si è dimostrato fondamentale nel ritrovamento dei dispersi.

L’Associazione Sti di Pinzolo Alta Rendena, convenzionata con Trentino Emergenza 118, è composta da oltre 70 volontari che operano nel territorio tra Strembo e Sant’Antonio di Mavignola con al centro Pinzolo. Un anno di operatività del gruppo è riassunto nei seguenti dati: 1.100 interventi e 50.000 km percorsi, 1.120 le persone soccorse e trasportate, 36 le manifestazioni per le quali si presta assistenza mentre 23.200 sono le ore di volontariato complessivamente svolte dagli operatori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136