QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nuovo accordo di programma per l’ambiente e la valorizzazione sostenibile in Valagola, Val Brenta e zone Cavradoss, Plaza, Fogaiart

sabato, 29 luglio 2017

Pinzolo – Nuovo accordo di programma approvato dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi, per la valorizzazione sostenibile e la tutela dell’ambiente in Valagola, Val Brenta e zone Cavradoss, Plaza, Fogaiart, che integra e rinnova quello sottoscritto nel 2008. il crozzon val brentaL’accordo dà continuità alle azioni già sviluppate in questi anni da tutti gli attori territoriali coinvolti, assieme alla Provincia, per la conservazione e la gestione delle risorse ambientali, in un’area di circa 3.100 ettari, collocata in posizione centrale nel massiccio del Brenta occidentale e nell’ambito del Parco Adamello Brenta. Fra le sfide più significative, l’incoraggiamento della mobilità alternativa a quella privata e la valorizzazione del collegamento via fune Pinzolo – Campiglio per l’accesso alle valli più interne.

L’accordo sarà siglato nei prossimi giorni dall’assessore Gilmozzi e dai rappresentanti dei comuni di Pinzolo, Stenico e Tre Ville, delle Regole di Spinale e Manez, della Asuc di Stenico, delle Funivie Pinzolo spa.

Il nuovo accordo, di durata decennale, contempla innanzitutto una serie di impegni comuni:

mettere in campo azioni coerenti con l’obiettivo di indirizzare i flussi invernali diretti al sistema di piste ed impianti in via principale verso il parcheggio di Colarin al fine di limitare al massimo l’accesso diretto a Plaza;

definire, per la stagione estiva, un progetto integrato di mobilità sostenibile, in stretto raccordo con il Parco Naturale Adamello Brenta, che valorizzi il collegamento via fune Pinzolo – Campiglio e che consenta di regolamentare l’accesso alle valli più interne, attraverso mobilità alternativa a quella privata ovvero precludendo l’accesso libero a determinati ambiti;

definire, in accordo con il Parco Naturale Adamello Brenta e in coerenza con il relativo Piano, un programma organico di valorizzazione estiva ed invernale della rete di percorsi esistenti, individuando le aree di salvaguardia e quelle da promuove ad un’utilizzazione sostenibile ed equilibrata, capace di integrare gli obiettivi di salvaguardia di habitat e specie, di educazione ambientale e di valorizzazione turistica;

proporre, le amministrazioni comunali, l’ASUC di Stenico e le Regole Spinale Manez, al Parco Naturale Adamello – Brenta, all’interno della ZSC Dolomiti di Brenta, un ambito forestale di adeguate dimensioni e di particolare valenza dal punto di vista strutturale e compositivo da istituire come riserva speciale forestale.

L’accordo prevede inoltre una serie di impegni a carico dei singoli soggetti, riguardanti di nuovo la regolamentazione del traffico e lo sviluppo di forme di mobilità alternativa e a quella veicolare privata, la promozione del turismo sostenibile, le pratiche sivlicolturali, la caccia (in particolare con la rinuncia alla caccia alla fagiano di monte e alla caccia primaverile-estiva in val Brenta), la raccolta di funghi.

Le società Funivie Pinzolo SpA e Madonna di Campiglio SpA si impegnano congiuntamente anche a realizzare una campagna informativa/comunicativa finalizzata sulle caratteristiche peculiari del Parco Naturale Adamello – Brenta in relazione al rispetto del divieto di esercitare lo sci fuori pista, con particolare riferimento all’ambito Grostè – Plaza e a quello Puza dei Fò – Plaza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136