QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Manuali “Architettura alpina contemporanea nelle Giudicarie”: approvazione definitiva

giovedì, 25 giugno 2015

Tione – Concluso l’iter formale, i manuali “Architettura alpina contemporanea nelle Giudicarie” e “Architettura tradizionale nelle Giudicarie” diventano il riferimento ufficiale per progettisti e commissioni urbanistiche.

Sono state Approvate anche dalla Giunta Provinciale le linee guida per l’architettura contemporanea e tradizionale in Giudicarie, articolate rispettivamente nel manuale “Architettura contemporanea nelle Giudicarie” e nel manuale “Architettura tradizionale nelle Giudicarie”.Comunità Giudicarie

L’approvazione avviene a valle dell’articolato percorso di costruzione e approvazione in ambito locale, che ha visto il coinvolgimento in primis del Tavolo di Confronto e consultazione, quindi della Conferenza dei Sindaci e della Assemblea. I due manuali rappresentano un ulteriore tassello del Piano Territoriale della Comunità delle Giudicarie, che progressivamente si completa.

L’obiettivo di fondo è quindi raggiunto: “andare oltre la rigidità di vincoli stringenti proponendo un approccio basato su linee guida, a partire dalla valorizzazione degli elementi identitari giudicariesi”.

La Giunta provinciale approva l’importante lavoro di approfondimento e definizione delle linee di indirizzo sostanziali in grado di supportare i professionisti nella progettazione di interventi architettonici, sia su edifici esistenti e legati alla tradizione sia su nuove strutture, mettendo al centro la qualità dell’edificato e l’inserimento nel paesaggio, senza dimenticarne la funzionalità d’utilizzo.

Sono due i manuali tipologici approvati: “Architettura tradizionale nelle Giudicarie” che si caratterizza per un quadro ampio e articolato di caratteri identitari, per tipologie significative e per aree territoriali omogenee, fornendo alcune linee guida utili in particolare nelle ristrutturazioni, ed il manuale “Architettura alpina contemporanea nelle Giudicarie”, dove un accurato approfondimento dell’evoluzione in ambito alpino è alla base della individuazione degli elementi compositivi e formali che indirizzano la architettura contemporanea, con indicazioni funzionali alle nuove costruzioni

Per quanto attiene il manuale relativo all’architettura tradizionale, la Giunta Provinciale ha confermato il campo di applicazione, ovvero gli edifici soggetti a restauro e risanamento conservativo nonché il patrimonio edilizio montano, per i quali il testo si sostituisce alla relativa disciplina dei PRG. Nel territorio del Parco Naturale Adamello Brenta, le indicazioni del manuale integrano la disciplina degli interventi sul patrimonio edilizio tradizionale prevista dal Piano del Parco.

Per quanto attiene invece il manuale relativo all’architettura contemporanea la Giunta provinciale ha ritenuto di rendere non prescrittiva la “relazione paesaggistica e architettonica” configurandola quale supporto culturale e conoscitivo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136