QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Madonna di Campiglio: due alpinisti bresciani recuperati dal Soccorso Alpino sul Brenta

sabato, 10 giugno 2017

Madonna di Campiglio - Due alpinisti bresciani erano rimasti incrodati mentre scendevano in corda doppia perché uno dei due aveva un problema all’avambraccio. Si è concluso in serata un intervento di soccorso sul Campanile Basso nel Gruppo di Brenta, dove, intorno alle 20, delisoccorso-soccorso-alpino-trentinoue alpinisti bresciani hanno chiesto aiuto essendo rimasti incrodati durante la discesa in corda doppia lungo la parete nord.

Uno dei due non poteva muoversi essendosi procurato un problema all’avambraccio. I due alpinisti, raggiunta la cima, durante la discesa hanno sbagliato itinerario, non riuscendo più a scendere.
Hanno quindi chiamato i soccorsi, telefonando al Numero unico europeo di emergenza, 112, che ha quindi allertato il Soccorso alpino.

L’operazione di soccorso é stata coordinata direttamente dal presidente del Soccorso alpino del Trentino, Adriano Alimonta, che ha subito preparato una squadra dell’Area operativa Trentino occidentale per il soccorso in parete.
Visto l’approssimarsi della notte é stato anche chiesto l’intervento dell’elicottero, ma essendo i mezzi aerei trentini impegnati contemporaneamente in altre operazioni, é intervenuto un elicottero del soccorso sanitario di Brescia che è giunto a Madonna di Campiglio intorno alle 21.

Dopo avere caricato a bordo gli uomini del Soccorso alpino del Trentino, il mezzo aereo ha quindi raggiunto la parete nord del Campanile Basso. Con una delicata operazione, che ha richiesto l’utilizzo dei visori notturni da parte dei piloti dell’elicottero, gli uomini del Soccorso alpino trentino hanno recuperato in parete i due alpinisti che sono stati poi elitrasportati a Madonna di Campiglio dove sono stati visitati dal personale medico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136