QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Madonna di Campiglio: al convegno TreperTre una Sabina Guzzanti al vetriolo

sabato, 22 marzo 2014

Madonna di Campiglio – Un messaggio sulla donna e una Sabina Guzzanti al vetriolo. E’ quanto emerge dal secondo appuntamento di Campiglio TreperTre che ha visto protagonisti relatori di spicco del mondo dei media e dell’entertainment per un confronto diretto sul tema “Donne e Media”.
Senza peli sulla lingua Sabina Guzzanti: “I media in Italia offrono un’immagine debole della donna. Pensiamo alla retorica delle campagne sul femminicidio: gli omicidi delle donne non sono aumentati, è che se ne parla adesso molto di più con la retorica deCampiglio trepertrella condanna generale. C’è bisogno di cambiare la cultura, riconoscendo alla donna autorevolezza e non facendo della donna solo una questione di ordine pubblico”. E sul nuovo governo 8 uomini- 8 donne continua: “Il nuovo governo è mostruoso e le nuove ministre sono donne immagine. Sono giovani, come possono avere le competenze necessarie per essere ministri? Si scelgono giovani inesperte che poi fanno leggi a favore degli imprenditori senza neanche accorgersene. Marianna Madia è un esempio di donna al potere per raccomandazione”.

SABINA GUZZANTI AL VETRIOLO

Una Sabina Guzzanti al vetriolo intervistata da Maria Latella a Campiglio Trepertre : “La questione femminile con il berlusconismo è diventata solo pornografia.  E i media in Italia offrono un’immagine debole della donna. Pensiamo alla retorica del femminicidio: gli omicidi delle donne non sono aumentati, è che se ne parla adesso molto di più con la retorica della condanna generale. C’è bisogno di cambiare la cultura, riconoscendo alla donna autorevolezza e non facendo della donna solo una questione di ordine pubblico”. A Maria Latella che le chiede come mai non faccia più tv da tempo e perché non abbia intenzione di tornarci spiega: “Sono stata cacciata per ragioni politiche qualche anno fa. Oggi non è cambiato niente. La Rai non esiste più. Come non esiste un nuovo governo. E’ la stessa politica, un governo non eletto appoggiato da Berlusconi.

GLI ALTRI INTERVENTI 

Anche la giornalista Alessandra Sardoni mette in allerta: “Se una donna viene scelta solo perché donna si tratta di una trappola: o c’è una forte leadership maschile dietro o si è scelti per meccanismi di attribuzione delle poltrone”. Paolo Mieli, Presidente di RCS Libri, Marinella Soldi, AD Italia e GM Southern Europe di Discovery Channel, Marco Bassetti, CEO di Banijay, e Luigi Tornari, direttore di RTL, gli altri protagonisti della serata.

Paolo Mieli attacca subito con una provocazione: “Di 1200 nomine che Renzi deve fare almeno un terzo al femminile”. L’Ashtag #programmaMieli lanciato da Maria Latella scatena la discussione.
A dare una testimonianza internazionale Linda Douglass, moglie dell’ambasciatore americano John Phillips, è stata a capo della redazione della Abc di Washington. Nel 2009 Barack Obama l’ha voluta alla Casa Bianca come direttore della comunicazione per la riforma del sistema sanitario americano. “La campagna di Obama è stata supportata principalmente dalle donne” ha raccontato, “Il numero di donne giornaliste sta crescendo, ma purtroppo il potere è ancora in mano agli uomini”
Il presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi, entusiasta della manifestazione, commenta: “Eventi come Campiglio TreperTre muovono le idee e fanno di Madonna di Campiglio polo di attrazione per spazio ed esperienze”. Il sindaco di Pinzolo William Bonomi conclude: “La manifestazione sul potere delle donne è stata bellissima, ma mi auguro che in futuro si arrivi a parlare insieme di uomini e donne”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136