QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Giudicarie, Val Rendena e Valle di Ledro: i carabinieri spiegano agli anziani come difendersi dalle truffe

mercoledì, 29 marzo 2017

Riva de Garda – I Carabinieri della Compagnia di Riva del Garda, competenti sull’Alto Garda e Ledro, hanno iniziato una serie di incontri con le comunità del territorio, in particolare con le parrocchie, centro anziani, università della terza età e circoli ricreativi, per informarli su alcune truffe che sempre più spesso vengono perpetrate ai loro danni. E’ un’attività del tutto preventiva in quanto nel territorio ancora non si sono verificati episodi del genere, ma i militari hanno fornito spunti utili per riconoscere i malintenzionati.

cNel fine settimana il Comandante della Stazione di Ledro, Luogotenente Massimo Stefani, grazie alla disponibilità presidente Angelo Penner, ha incontrato cento soci del Circolo pensionati e anziani della Valle di Ledro presso la sala polifunzionale dei vigili del fuoco del distaccamento di Pieve di Ledro.

Sono state spiegate le tecniche con cui le vittime vengono avvicinate e con cui i malfattori riescono a carpirne la fiducia ed entrare nelle loro case. Alcuni episodi in altre parti del territorio nazionale hanno visto in azione falsi carabinieri e quindi sono state mostrate, dal vivo, le divise dell’Arma per consentire a tutti di riconoscerle e non farsi trarre in inganno. Consiglio importante è quello di non far entrare nessuno in casa e di chiamare sempre il 112 per poter avere un aiuto immediato. Sul sito www.carabinieri.it vi sono tutti i consigli utili nel campo delle truffe agli anziani.

Sono molti gli incontri in calendario in tutto il territorio della Compagnia di Riva del Garda, dalle Giudicarie alla Val Rendena, ma anche nella Busa, programmati per le prossime settimane di concerto con il Comando Provinciale dei Carabinieri di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136