QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Giro d’Italia a Madonna di Campiglio per la seconda volta. Prima tappa alpina, tutti all’attacco di Contador: altimetria e percorso

domenica, 24 maggio 2015

Madonna di Campiglio  - Oggi il Giro d’Italia torna a Madonna di Campiglio dopo 16 anni. Il Giro affronta per la prima volta nel 2015 le Grandi Montagne con una tappa di 165 chilometri da Marostica a Madonna di Campiglio con la maglia rosa saldamente sulle spalle di Alberto Contador. Secondo a 2′ 28” Fabio Aru.

Per la seconda volta nella storia della “corsa rosa”, 16 anni dopo quella del 1999, quando vinse Marco Pantani, Campiglio ospiterà l’arrivo di tappa del Giro d’Italia. In Trentino anche il giorno di riposo e la ripartenza, martedì 26, da Pinzolo.

Il traguardo è posaltimetria Campiglioto qualche chilometro più in alto, nella panoramica località di Patascoss, con vista sulle Dolomiti di Brenta, rendendo la salita finale  più impegnativa.

La tappa sarà impegnativa. Partenza da Marostica, città degli scacchi viventi e di Giovanni Battaglin, vincitore del Giro 1981. Quindi si supererà la piana che conduce ai piedi dell’Altopiano di Asiago, attraverso Breganze e Thiene. Si risalirà la Valdastico fino a entrare in Trentino nei pressi del Passo del Sommo che si scalerà quasi per intero, per scendere poi, attraverso La Fricca (GPM) e Vigolo Vattaro, su Trento, fino a sfiorare il Castello del Buoncosiglio. La corsa raggiungerà quindi le Terme di Comano per portarsi all’imbocco della Val Rendena, dove devierà verso i piccoli abitati di Preore e Binio e scalerà per la prima volta il duro Passo Daone, caratterizzato dalla costanza di pendenze importanti (con punte del 14% e pendenza media attorno al 9%). Seguirà una discesa tecnica per raggiungere Pinzolo dove inizierà la salita finale.

La “scalata” avrà pendenze medie del 6-7% (quasi costante) fino a Madonna di Campiglio, che verrà attraversata per portarsi agli ultimi 2 km, i più difficili (pendenze a doppia cifra), fino a Patascoss (arrivo), notissima base di partenza della pista di sci Fis-3Tre che ha visto tra gli altri trionfare i più grandi campioni dello sci come Gustav Thöni, Ingemar Stenmark e Alberto Tomba.

Pantani, nel 1999, tagliò il traguardo nel centro di Campiglio. Poi il giorno successivo venne fermato per doping. Il vincitore della tappa Marostica-Madonna di Campiglio sarà invece atteso a Patascoss, la panoramica località con vista sulle Dolomiti di Brenta a due chilometri dal cuore della località turistica.

METEO

Dal punto di vista meteo il tempo tende gradualmente a migliorare rispetto alle ultime tappe bagnate. Nella prima parte di gara dunque prevarranno schiarite anche ampie e tempo finalmente asciutto. Nel finale tuttavia non si esclude la possibilità di formazione di qualche acquazzone o temporale che dunque potrebbe condizionare proprio la parte più dura e decisiva della tappa. Le temperature oscilleranno intorno ai 21-23°C in pianura e lungo i fondovalli trentini, mentre all’arrivo è prevista una temperatura di circa 10°C (che potrebbe essere anche inferiore in caso di pioggia).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136