QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Festival della Famiglia: primi eventi a Dro, Arco e Riva promossi dal Distretto Alto Garda

domenica, 22 novembre 2015

Riva del Garda – Al via gli eventi del Pre Festival della Famiglia. Quest’anno il Festival affronta il tema delle «Comunità educanti per il benessere sociale e la competitività dei territori» e si svolge venerdì 4 dicembre al Centro Congressi di Riva del Garda, tra le tantissime iniziative collaterali propone un cartellone di eventi pre-festival che si tengono fino al 5 dicembre a Riva del Garda, ad Arco e a Dro, organizzati dal Distretto Famiglia Alto Garda in attuazione del progetto pluriennale di Distretto «Verso il festival, voglia di famiglia».

IL TEMA DELL’EDIZIONE 2015 

Il Festival della Famiglia è nato dalla premessa che l’educazione è elemento vitale delle Pre festival Riva del Garda 2015 -1relazioni umane e punto di partenza per costruire il futuro del Paese, e che serve una nuova alleanza educativa sul territorio, in cui tutti possano contribuire alla costruzione del benessere individuale e collettivo. Il tema della quarta edizione è legato alla considerazione per cui con l’educazione è in gioco il futuro del Paese, quindi il benessere individuale e collettivo; per questo occorre andare oltre la denuncia spesso generica, acritica e passiva per avviare una (ri)costruzione partecipata attorno alle questioni epocali che oggi interrogano da vicino le vite degli individui, delle famiglie e delle comunità.

Pensare ad una comunità educante significa ricollocare l’educazione come questione cruciale della polis, poiché riguarda tutti – ciascuno nel proprio ruolo, con le proprie competenze e risorse – e a tutti chiede di partecipare. Dare credito politico all’educazione significa allestire contesti dove le persone, le organizzazioni – pubbliche, private, sociali, economiche – e la comunità tutta sentono di potersi nuovamente riappropriare di un ruolo e di una responsabilità sociale. In quest’ottica si sono mossi anche i soggetti che costituiscono il Distretto Famiglia Alto Garda, nel mettere a punto un articolato programma di eventi pre-festival.

LA PRIMA PROPOSTA

Ad Arco, sono state programmate due puntate dedicate di «Bebè Caffè», spazio aperto di ascolto e condivisione dedicato alle neomamme e ai neopapà con i loro piccoli e ai genitori «in attesa». Il primo è andato in scena venerdì scorso (tema: «Mamma, papà, abbracciatemi», con Federica Melis, ostetrica) e il secondo si terrà venerdì 27 novembre («Quando il bambino piange», con Elisa Pastorelli, psicologa e psicoterapeuta), a Villa Althamer in località Prabi (in via Caproni Maini 24) con inizio alle ore 10.30 (a cura dell’associazione Giovani Arco per l’assessorato politiche giovanili e della socialità del Comune di Arco).

Al centro culturale di Dro è andato in scena sabato scorso “Sandart disegni di sabbia”, uno spettacolo teatrale per bambini che allo stesso tempo è anche un laboratorio sul teatro.

I PROSSIMI EVENTI

Venerdì 27 novembre il primo dei due incontri proposti dalla cooperativa sociale Eliodoro: «Per una comunità oltre i confini» ha per relatori Johnny Dotti, pedagogista e imprenditore sociale, e Vincenzo Passerini, presidente di CNCA Trentino (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza). Apre l’incontro l’assessora Lucia Gatti, assessore alle politiche sociali, familiari e giovanili del Comune di Riva del Garda. L’incontro si tiene nella sala ex biblioteca in viale Damiano Chiesa con inizio alle ore 20.30.

La sera di giovedì 3 dicembre si tiene la tradizionale visita dei relatori del Festival della Famiglia a Casa Bresciani a Riva del Garda, sede dell’APSP Casa Mia, con presentazione del Centro per le famiglie e della sua attività.

Venerdì 4 dicembre nell’ambito di Time Out, il cartellone di proposte dedicate agli adolescenti (dai 12 ai 16 anni d’età) e ai loro genitori, si svolge il musical «Mamma mia», nella sala Mille del Centro Congressi a Riva del Garda con inizio alle ore 20.30: uno spettacolo messo in scena da 20 ragazzi dell’Alto Garda, tra i 15 e i 22 anni, guidati da due giovani artisti locali, Mariapia Molinari, cantante, e Francesco Moncher, musicista, che ne sono anche registi; la protagonista, Sophie, a pochi giorni dal suo matrimonio trova il diario della madre. Sarà l’alleanza tra figlia e madre a risolvere la situazione, in un crescendo di emozioni, tra amore, gioia e scoperta di sé. Il tutto con la conduzione di Pietro Lombardo, pedagogista e conferenziere, che guiderà nell’approfondimento dei temi messi in scena.

Sabato 5 dicembre il secondo incontro proposto dalla cooperativa sociale Eliodoro: «Da oggi dico la mia» è uno spettacolo teatrale in cui i ragazzi sono protagonisti, spettatori e anche attori, in una circolarità di ruoli che porta ad interrogarsi sulla visione di comunità e sul senso di accoglienza nell’era della globalizzazione. Nella sala Trecento del Centro Congressi a Riva del Garda con inizio alle ore 12 (spettacolo aperto a tutti).

Infine, due mostre, entrambe allestite al Palameeting di Riva del Garda venerdì 4 e sabato 5 dicembre, in concomitanza con il Festival della Famiglia: la sezione di Riva del Garda della SAT propone la mostra fotografica «In montagna con le famiglie», relativa all’omonimo progetto rivolto alle famiglie con bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 13 anni, per promuovere e sostenere il ruolo della famiglia anche attraverso momenti di vicinanza tra cittadinanza, territorio e famiglie. Invece la cooperativa sociale Eliodoro allestisce la mostra di pittura «Eliocoloro», con opere realizzate dalle persone con disabilità che frequentano la cooperativa.

Il Festival della Famiglia è ideato e organizzato dall’Agenzia per la famiglia in partnership con il Distretto Famiglia Alto Garda, il Comune di Riva del Garda e il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Quest’anno ha inoltre due partner d’eccezione: Educa e Il Trentino dei bambini.

Nella foto sopra Lucia Gatti (referente istituzionale del Distretto Famiglia Alto Garda) e la responsabile dell’Unità operativa istruzione e politiche sociali Paola Piccioni, (responsabile tecnico del Distretto famiglia), l’assessora alle politiche giovanili e della socialità del Comune di Dro, Silvia Girelli, l’assessora alle attività sociali, politiche per l’infanzia e familiari del Comune di Dro, Marina Malacarne e la consigliera comunale con delega a pari opportunità e politiche giovanili Patrizia Angeli, quindi Alessia Negrolli, per l’Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Alessia Negriolli, la presidente della  cooperativa Eliodoro Laura Lenzi; per l’APSP Casa Mia il commissario straordinario Pierluigi Lotti e la pedagogista Francesca Giuliani; e per la sezione di Riva del Garda della SAT il presidente Giorgio Galas.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136