QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

“Dolomiti Dance Seminar”: in trecento a Pinzolo con Iancu e Celentano

venerdì, 24 luglio 2015

Pinzolo – Si chiama “Dolomiti Dance Seminar”, è iniziato a Pinzolo il 19 luglio e si concluderà il 2 agosto con la partecipazione di quasi 300 ballerini provenienti principalmente dall’Italia, ma anche da Francia e Olanda che, seguendo il programma di lezioni messo a punto da Luigi Grosso (FOTO), direttore artistico del seminario internazionale organizzato dall’Azienda per il Turismo Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena, stanno perfezionando tecnica, passi, espressività e coreografie previsti dai diversi generi.danza campiglio Pinzolo_Dance_Lezione_Maestro_Luigi_Grosso

Dalla grazia della danza classica all’energia del modern contemporary, i ballerini hanno trasformato il Paladolomiti nel teatro di una compagnia di ballo vivace, impegnata e determinata. In ogni sala una specialità: al piano terra la classe di classico si muove sulle punte cercando di fare propria la perfezione imposta da questo genere, mentre il pianoforte di Marianna Starc accompagna le coreografie e senza sosta suona melodioso; al piano più sotto, dedicato al laboratorio modern-contemporary, i movimenti e le evoluzione sono sorprendenti e la musica di Vivaldi cerca e trova un equilibrio con futuriste coreografie. Per tutti, sabato 25 luglio e sabato 1 agosto, il palcoscenico della sala grande dove i risultati raggiunti dalla partecipazione ai corsi saranno presentati al pubblico in un conclusivo gala-spettacolo (ingresso libero).

Il corpo docente, con meticolosità, conduce le lezioni che si susseguono l’una all’altra, suddivise nel rispetto del livello dei partecipanti. Maria Gabriella Tessitore, docente di repertorio presso l’Accademia Nazionale di Roma, segue con estrema attenzione i suoi ballerini, alternandosi a Paola Scelzo, insegnante di tecnica classica metodo Vaganova-repertorio e danza di carattere, che lavora con le ragazze e i ragazzi sull’espressività e il ritmo. La stessa passione per l’insegnamento appartiene ad Antonella Gheno, ballerina solista, docente di classico repertorio, altra illustre docente garanzia di contenuti e qualità per il “Dolomiti Dance Seminar”.

Intanto, ieri, è arrivato a Pinzolo l’attesissimo Gheorghe Iancu, il grande ballerino e coreografo di origine romena che ha raggiunto il successo stringendo un legame artistico con Carla Fracci insieme alla quale ha danzato nei più importanti teatri italiani e del mondo, dal Teatro Alla Scala di Milano fino al Covent Garden di Londra e all’Opera di Berlino. Da alcuni anni cura stage internazionali di danza e si è maggiormente concentrato sugli impegni come coreografo. Dal 2003 al 2009-2010 è stato giudice esterno del talent show “Amici”, ideato e condotto da Maria de Filippi.

Per il 27 e 28 luglio sono invece previste alcune lezioni con Alessandra Celentano, docente e coreografa di classico internazionale, altra icona della danza, negli anni Ottanta prima ballerina in coreografie dei più importanti coreografi del Novecento con, al suo attivo, tournée internazionali in tutto il mondo. Tuttora in corso è la sua collaborazione con “Amici” nei ruoli di insegnante e coreografa.

In una breve pausa del frequentatissimo laboratorio di “modern contemporary”, il maestro Luigi Grosso spiega la filosofia del “Dance seminar” in svolgimento a Pinzolo. “Stiamo sperimentando l’avanguardia di diversi stili di danza che nel modern si sublimano necessariamente in qualcosa di nuovo. Con i miei insegnamenti lavoro su questo aspetto, ma nello stesso tempo il mio impegno si rivolge anche al gruppo con l’obiettivo di amalgamare le diverse esperienze portate dai singoli ballerini. Il lavoro si concentra sulla tecnica dei singoli e sull’insieme, ma è anche psicologico e culturale. Il gruppo sta eseguendo una coreografia eseguita su musica di Vivaldi che spiego anche dal punto di vista storico. Lavoriamo allo stesso modo delle accademie di danza e dei corpi di ballo delle opere. Per questo possiamo dire che fino al 2 agosto il Paladolomiti sarà il teatro di una vera e propria compagnia di balletto”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136