QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Cuccioli di Daniza in Val Rendena: confronto a Roma sulle linee-guida della loro gestione

giovedì, 9 ottobre 2014

Roma - Incontro oggi a Roma, presso il Ministero dell’Ambiente, fra la Provincia autonoma di Trento, rappresentata dall’assessore all’agricoltura, foreste, turismo e caccia Michele Dallapiccola, i tecnici dell’Ispra-Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale e quelli del Corpo forestale dello Stato, per un nuovo aggiornamento sulla gestione dei cuccioli dell’orsa Daniza. Presente all’incontro anche il dirigente generale del ministero Renato Grimaldi.coppia orsetti daniza 1 

Dallapiccola ha illustrato le linee-guida che l’amministrazione provinciale sta seguendo, per monitorare il comportamento dei cuccioli ed il loro stato di salute.

I soggetti che hanno partecipato all’incontro di oggi saranno presenti anche al Tavolo tecnico con i maggiori esperti di orso a livello nazionale ed europeo convocato a Trento il prossimo 30 ottobre.

Nel corso della riunione si è convenuto sull’esigenza di sviluppare una collaborazione “operativa” fra le istituzioni per assicurare la sopravvivenza dei due orsetti.

Il ministero dell’Ambiente ha condiviso la scelta di non procedere alla marcatura del secondo cucciolo ed ha preso atto delle misure adottate dalla Provincia di Trento a tutela dei cuccioli, per agevolarne la crescita e la nutrizione nell’ambiente naturale. Inoltre, sono state valutate positivamente le misure assunte contro il rischio di incidenti stradali che potrebbero coinvolgere gli orsi.

L’incontro è servito anche a fare una prima analisi delle possibilità tecniche di collaborazione fra Provincia di Trento, Corpo Forestale dello Stato e Ispra che saranno approfondite nei prossimi giorni nel comune obiettivo di proteggere gli orsetti ed aiutarli ad arrivare alla piena autonomia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136