Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Coppa del Mondo di Snowboard, Milano a stelle e strisce: Big Air è già un successo. I risultati

sabato, 11 novembre 2017

Milano – Milano a stelle e strisce, l’America è padrona della prima tappa della Coppa del Mondo di snowboard. Sotto l’Albero della Vita, simbolo di quello che fu l’Expo, la folla delle grandi occasioni si è scaldata parecchio – erano in più di ottomila, nonostante la serata rigida – assistendo ai voli prodigiosi di questi teenager senza paura, capaci di evoluzioni incredibili sulla spettacolare rampa costruita nella metropoli e coperta dalla neve della Valmalenco (Foto Pierre Teyssot).

uominiSpettacolo vero, a Big Air and the City, ed anche soddisfazioni per i colori italiani, con Alberto Maffei finalista e settimo assoluto (con 136,25 punti). “Il mio migliore risultato in Coppa del Mondo ed un bel passo in avanti verso le Olimpiadi in Corea – ha detto l’atleta di Campiglio – stiamo lavorando bene come squadra e migliorando molto. Oggic’era anche il Presidente federale Roda a vederci, lui crede in noi e noi avvertiamo questo clima di fiducia”.

Podio monocolore nella gara maschile, tutti statunitensi, mentre la stella di questa disciplina – il belga Seppe Smits, famoso persino più della prelibata birra prodotta dai frati trappisti nel suo paese alle porte di Anversa – si ritrova confinato al quinto posto (144,24). Larghissima la vittoria di Chris Corning (182,75) impreziosita da un triple cork da pelle d’oca nel secondo salto; alle sue spalle, ben distanziati, Redmond Gerard (163,00) e Kyle Mack (161,50). “Ci siamo divertiti un sacco – il commento di Corning, 18 anni e un argento mondiale nel Big Air già al collo – salire sul podio con due compagni di squadra è una sensazione fantastica. Una giornata in cui ha girato tutto bene, conclusa con il mio career best come punti conquistati nel Big Air: un bel modo per cominciare l’anno olimpico”.

Anche nella finale femminile un risultato schiacciante che premia l’austriaca Anna Gasser (con 160,25 punti), la quale tiene a debita distanza l’inglese Katie Ormerod (143,25) e la svizzera Sina Candrian (130,25) in un podio tutto europeo. “Sono felicissima di questo successo, le cose non erano andate benissimo né ieri né questa mattina, ma alla fine l’ho spuntata. L’atmosfera di Milano è fantastica, amo venire a gareggiare qui e non vedo l’ora di tornare anno dopo anno”, il commento dell’austriaca. Ventesima Margherita Meneghetti, unica italiana in gara.

Milano archivia con soddisfazione questo primo fine settimana, in attesa della seconda puntata, venerdì e sabato prossimi, con la Coppa del Mondo di freeski. Al suo secondo anno di vita, Big Air and the City si sta confermando appuntamento di spicco: a parte l’imponente sforzo organizzativo e tecnico per allestire un trampolino alto 40 metri e il relativo innevamento, il clima di festa e le molte attività collaterali hanno richiamato un gran numero di famiglie e tanti bambini: uno spettacolo che piace proprio a tutti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136