QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Comunità delle Giudicarie, “Parco giochi amico”: aprono i cantieri di riqualificazione

sabato, 6 settembre 2014

Tione - Un milione di euro per creare, rinnovare, integrare i parchi giochi nei comuni giudicariesi. È quanto ha stanziato la Comunità delle Giudicarie per il progetto ‘Parco giochi amico’ nell’assemblea di marzo, coinvolgendo poi i Comuni per attivare gli interventi sui diversi territori.parco giochi

Entro la fine di luglio, come previsto dalla Delibera della Giunta della Comunità, tutti i Comuni hanno presentato il proprio progetto e, dopo la rapida verifica di congruità della Comunità, hanno potuto dare il via ai lavori. Non solo, le amministrazioni comunali hanno deciso e deliberato di raddoppiare quasi l’entità dell’investimento portandolo ad 1 milione e 800 mila euro, dimostrando di credere molto nel progetto e di essere convinti che investire nella famiglia sia una scelta vincente.

«Il nostro è un territorio molto attento alla famiglia ed anche in questa occasione gli amministratori hanno dimostrato di aver compreso appieno l’importanza di dare la giusta attenzione ad iniziative messe in campo a beneficio delle famiglie, con valenza sociale ed educativa – puntualizza la Presidente della Comunità delle Giudicarie Patrizia Ballardini -I parchi gioco sono luogo di incontro tra generazioni, frequentati da mamme, papà, bimbi ed anche dai nonni. Hanno un valore educativo e sociale per le nostre famiglie e assumono anche un ruolo importante per qualificare ulteriormente la proposta per i turisti, in coerenza con le politiche e le iniziative già attive ed in fase di attivazione focalizzate proprio sul target famiglie».

L’obiettivo dunque diventa quello di riqualificare le aree gioco, dando anche risposta ad esigenze nuove, realizzando parchi estivi ed invernali che possano accogliere i bambini ed al tempo stesso diventare un elemento di qualificazione ulteriore delle Giudicarie quale luogo di vacanza per le famiglie. Inoltre, in un momento non facile dal punto di vista economico, questo progetto significa dare lavoro alle imprese in tempi brevi, considerato il termine lavori è fissato entro la fine dell’anno.

Un’iniziativa che si inserisce in quel percorso definito dal documento programmatico della Comunità in cui viene sottolineata “l’importanza strategica attribuita alla Famiglia, come nucleo base della società”, unitamente all’impegno a “dare attenzione alle politiche familiari, finalizzate e mantenere e favorire il benessere delle famiglie e a definire/gestire progetti dedicati alle famiglie, identificando e promuovendo iniziative mirate di territorio in grado di incidere sul benessere complessivo”. Questo in una logica di “rafforzare il rapporto tra politiche familiari e politiche di sviluppo economico, evidenziando che le politiche familiari non sono politiche improduttive, ma, al contrario, sono “investimenti sociali” strategici, che sostengono lo sviluppo del sistema economico locale, creando una rete di servizi tra le diverse realtà presenti sul territorio”.

Sul piatto un milione di euro di risorse straordinarie, stanziato dalla Comunità delle Giudicarie con l’Assemblea di marzo a disposizione delle amministrazioni comunali: ad ogni comune, indipendentemente dalla dimensione, sono stati dati 5.000,00 euro, per complessivi euro 195.000,00; ad ogni comune certificato ‘Family in Trentino’ 5.000,00 euro, per complessivi euro 40.000,00; ad ogni comune che ha aderito al ‘Distretto Family’ (ma non è ancora certificato) 2.500,00 euro, per complessivi euro 15.000,00. questo nell’ottica di premiare ed incentivare i Comuni che hanno intrapreso con convinzione il percorso “Family Trentino”.

L’importo rimanente di € 750.000,00, è stato ripartito in base alla popolazione residente al 31.12.2011 nei Comuni della Comunità delle Giudicarie, come risultante dall’ultimo Censimento generale della popolazione. Così tutti i comuni hanno avuto a disposizione una somma per metter mano al proprio parco giochi e per crearne di nuovi: alcuni hanno ritenuto sufficienti le risorse stanziate dalla Comunità, altri hanno deciso di aggiungerne delle proprie per poter realizzare il proprio progetto.

Tra questi spiccano Montagne con un intervento di 250mila euro, Giustino con investimenti per circa 100 mila euro, Massimeno con investimenti di 90mila euro, Ragoli con 75mila euro, Daone 52 mila, Zuclo 40mila, ecc… A pochi giorni dalla presentazione del progetto alla Comunità, da parte di ciascun Comune, l’Ufficio Tecnico ha formulato l’istruttoria e la Giunta della Comunità ha approvato i progetti, dando il via libera ai lavori. Obiettivo: realizzare tutti gli interventi entro fine anno per giungere alla prossima primavera con un parco di aree gioco profondamente rinnovato e qualificato, in tutte le Giudicarie.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136