QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Carisolo, la questione biodigestore divide ancora. Agire: “Troppi silenzi sull’impianto biogas”

lunedì, 24 aprile 2017

Carisolo – Una comunità divisa in due sul  biodigestore, con accesi confronti nel paese delle Giudicarie e al termine l’operatore, che aveva presentato domanda, ha deciso di rinunciarvi.  La comunicazione è arrivata dal sindaco di Carisolo, Arturo Povinelli, che ha annunciato ai suoi cittadini con una lettera che l’impianto non verrà più realizzato. “Il Signor Vanoli – si legge nella lettera – ha dimostrato buon senso e, con un gesto elegante che gli va riconosciuto, dopo un lungo confronto con il Sindaco, con amarezza ma senso di responsabilità, ha deciso di ritirare la propria domanda di realizzazione di questo biodigestore”. “Questo gesto va di certo a rasserenare gli animi della nostra Comunità – prosegue il sindaco nella missiva – ma lascia aperto il problema dello smaltimento dei liquami e letami della sua azienda (e di altre) e non risolve le conseguenti problematiche ambientali che, quanto prima, dovranno essere affrontate”.Carisolo Biodigestore 1

La comunità di Carisolo ha vissuto momenti di forte emotività e preoccupazione per la richiesta, avanzata da un privato di realizzare un mini impianto di biodigestione, alimentato da liquami/letami e scarti della lavorazione zootecnica locale, presso la sua azienda agricola.

Non mancano le reazioni e Sergio Manuel Binelli, coordinatore “Agire per le Valli Giudicarie” ha chiesto un chiarimenti delle responsabilità delle istituzioni locali. “Recentemente nei territori delle Giudicarie si sono dovuti affrontare dei temi che hanno spaccato letteralmente in due la Comunità – si legge nel documento diffuso da Minelli per conto di Agire – ci stiamo riferendo alla realizzazione di un impianto di biogas a Carisolo e all’aumento dell’imposta di soggiorno nella zona di competenza dell’Apt di Madonna di Campiglio, Pinzolo e Val Rendena, tematiche sulle quali a loro tempo sono state anche presentate un’interrogazione e una mozione da parte del nostro Coordinatore Politico (consigliere provinciale Claudio Cia)”.

“Ora pur avendo deciso di mantenere un profilo da osservatori soprattutto in rispetto del gruppo di cittadini di Carisolo – prosegue il coordinatore di Agire in Val Rendena –  ci vediamo costretti ancora una volta a fare il lavoro delle opposizioni nei consigli comunali sollevando una questione, forse morale: è necessario che le istituzioni locali, in primis la Comunità di Valle delle Giudicarie e i Comuni limitrofi come Pinzolo e Giustino, chiariscano le loro posizioni e anche i loro silenzi in riferimento alla realizzazione di quest’impianto di biogas.Le indiscrezioni che stanno circolando se venissero confermate renderebbero molto imbarazzanti le posizioni di alcuni sindaci delle Giudicarie e farebbero emergere quello che Agire da tempo sta denunciando in Trentino: un circolo di potere vizioso che sta portando la nostra benamata Provincia verso la rovina”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136