QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Campiglio, è polemica su manutenzione delle aree pubbliche e lavori stradali

sabato, 6 luglio 2013

Madonna di Campiglio – La  sistemazione di alcune aree di Madonna di Campiglio diventa una disputa politico-amministrativa. Il consigliere comunale Diego Binelli ha presentato un’interrogazione per conoscere le motivazioni per le quali, anche quest’anno come già avvenuto in passato, la frazione di Madonna di Campiglio sia completamente lasciata in balia a sé stessa senza che alcun amministratore si sia attivato per garantire la manutenzione e la motivazione per le quali le opere di asfaltatura vengono cominciate nel periodo finale del mese di giugno se non addirittura nel mese di luglio, stante che Comuni limitrofi invece provvedono in tempi più rapidi; in tal senso si chiede di voler notiziare la data di avvio delle procedure di appalto dei suddetti lavori e quella di avvenuta aggiudicazione delle stesse.SAM_3323

L’interrogazione ha come principale destinatario l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Pinzolo: la carenza di manutenzione e i cantieri aperti non aiutano a mantenere l’immagine di Madonna di Campiglio agli occhi dei turisti e potrebbero provocare problemi.La richiesta del consigliere Binelli nasce da lamentele da parte dei cittadini per la scarsa manutenzione del patrimonio comunale, in particolare  i parchi giochi della conca verde e delle scuole elementari sono vecchi e non rispettosi delle condizioni minime di sicurezza richieste dalle normative oggi vigenti.

Inoltre è segnalata l’assoluta mancanza di fiori di arredo nelle piazze e lungo le vie del paese, quando invece gli operatori privati hanno già provveduto in tal senso. Altri dettagli fatti notare nell’interrogazione sono i danni alle staccionate, il cattivo taglio del prato, la mancata sistemazione del campo da calcio in località Nambino.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136