QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Breguzzo: Manuel Ferrari è tra i cuochi stellati della guida Espresso. La carriera e i riconoscimenti

giovedì, 23 ottobre 2014

Breguzzo – Uno chef del Trentino ha sfondato a livello nazionale ed europeo. Tra i cuochi stellati dell’edizione 2015 de L’Espresso, spicca Manuel Ferrari, trentaseienne, originario di Breguzzo. E’ il pasticcere dell’anno. Nei giorni scorsi è stato premiato alla “Leopolda” di Firenze, prima dell’evento politico con il premier Renzi, e  l’ex stazione ferroviaria è stata trasformata in sala congressi, nell’ambito della manifestazione che ha premiato le eccellenze nazionali della guida. Manuel Ferrari è un esempio: nato a Breguzzo, nella Valle del Chiese, ha iniziato la carriera tra i fornelli alla scuola professionale Enaip di Tione. E’ nell’alberghiero trentino che ha imparato i primi rudimenti di cucina. Per poi intraprendere la carriera:  un paio di stagioni a Madonna di Campiglio, poi il Palace Hotel di Saint Moritz, quindi l’Heston Blumenthal. Sotto i flash dei fotografi, Manuel Ferrari  visibilmente emozionato, è salito sul palco per ricevere dalle mani del direttore della Guida Enzo Vizzari, l’ambito premio che l’ha consacrato miglior pasticcere dell’anno. La sua fotografia spicca a pagina 51, della 37^ edizione del vademecum dell’Espresso, dove sono annoverati 2.700 ristoranti italiani, di cui 412 top, premiati con uno, o più cappelli. Nel ristorante dove lavora – il Mistral del Grand’Hotel Villa Serbelloni, di Bellagio sul lago di Como – il giovane cuoco trentino è il “guru” della pasticceria. “Sono soddisfatto – ha commentato Manuel Ferrari – non mi aspettavo questo riconoscimento. Cercherò di far sempre meglio e soddisfare i palati dei turisti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136