Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Adamello Brenta, osservazioni alla Variante 2018 al Piano del Parco

venerdì, 3 maggio 2019

Strembo – Sta per concludersi il periodo di pubblicazione della Variante 2018 al Piano del Parco Naturale Adamello Brenta. Fino al 6 maggio 2019 sarà ancora possibile a chiunque presentare all’Ente osservazioni, relativamente alle modifiche apportate, nel pubblico interesse.

Variante - Parco Adamello BrentaLa documentazione è consultabile dal 6 marzo presso la sede di Strembo e sul sito web del Parco Naturale Adamello Brenta www.pnab.it nella sezione Amministrazione trasparente\Pianificazione e governo del territorio\Varianti al Piano.

La Variante 2018 è stata approvata in via preliminare dal Comitato di gestione il 25 febbraio scorso. Si compone di sette Documenti, quattro Tavole e undici Allegati e si articola in tre temi: Adeguamento Normativo, Modifiche alle Norme di Attuazione e Ampliamento dei confini.

In particolare, quest’ultimo, propone l’aggiunta di 534 ettari di territorio in Val di Breguzzo, lungo il torrente Arnò, su richiesta del Comune di Sella Giudicarie.

Le numerose modifiche proposte in variante sono facilmente comprensibili grazie a tabelle, specchietti e mappe che mettono in evidenza il prima e il dopo.

Nel frattempo, il Piano è stato trasmesso anche al Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia autonoma di Trento che dovrà acquisire i pareri delle altre strutture provinciali competenti (Conferenza dei Servizi). A seguire, tenendo conto del parere della Conferenza, il Parco dovrà acquisire il parere del Comitato scientifico.

Acquisiti i pareri e tenendo conto delle osservazioni prevenute, entro 120 giorni dal verbale della Conferenza dei Servizi si dovrà procedere alla adozione definitiva da parte del Comitato di gestione. Infine, la Variante dovrà essere approvata dalla Giunta provinciale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136