QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vigneti di Ala e Vallarsa danneggiati: indennizzi a tutte le aziende colpite

sabato, 23 novembre 2013

Vallarsa  -  Tutte le aziende viticole del comune di Ala e di Vallarsa situate al di sopra dei 600 metri i cui vigneti sono rimasti danneggiati dalle eccezionali nevicate di fine ottobre 2012 potranno essere indennizzate. E’ quanto ha deciso la Giunta provinciale approvando una deliberazione, firmata dal neo assessore all’agricoltura Michele Dallapiccola, che ha incluso tra i beneficiari dell’aiuto anche le piccole aziende vitivinicole di montagna che non hanno l’obbligo dell’iscrizione nella Sezione speciale per le imprese agricole del Registro delle imprese della Camera di commercio.

vendemmia

LE PRECIPITAZIONI

Le nevicate del 27 e 28 ottobre di un anno fa sorpresero, con 40 centimetri di neve fresca, i vigneti di Ala e Vallarsa quando le foglie delle viti non erano ancora cadute.

L’abbassamento delle temperature seguito alla nevicata favorì l’accumulo di neve sulla vegetazione ancora presente, determinando il cedimento dei vigneti stessi con danni alle strutture e alle viti. Una quindicina le aziende che subirono danni, tra queste anche alcune piccole aziende agricole localizzate in zone di montagna e che rimasero inizialmente escluse dalla platea dei beneficiari dell’indennizzo in quanto non iscritte, per via della ridotta dimensione aziendale, al Registro delle imprese.

DOMANDE ENTRO IL 2 DICEMBRE 

La decisione della Giunta provinciale di fare rientrare anche queste aziende tra i beneficiari dell’indennizzo delle perdite causate da avverse condizioni atmosferiche, previsto dalla legge provinciale 4/2003, nasce dalla considerazione non solo dei maggiori disagi che tali aziende sopportano a causa delle difficili condizioni orografiche, ma anche del fondamentale ruolo che esse hanno per il presidio del territorio, la gestione ottimale dei suoli, il controllo delle acque, la prevenzione dell’erosione, la valorizzazione ambientale (anche della biodiversità) e paesaggistica e quindi la valenza culturale nonché turistica. Il termine per la presentazione delle domande per ottenere l’indennizzo è stato prorogato al 2 dicembre 2013.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136