Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Viabilità a Rovereto: confronto tecnico sulle soluzioni per diminuire il traffico

mercoledì, 25 settembre 2019

Rovereto – Quale sarà il futuro viabilistico di Rovereto? Quali le migliori soluzioni per diminuire il traffico dalla città della Quercia? Queste le domande al centro di un confronto tecnico avvenuto ieri in Municipio a Rovereto fra il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, accompagnato dall’assessore allo sviluppo economico, Achille Spinelli e dagli ingegneri Raffaele De Col e Mario Monaco e 12 consiglieri comunali, appartenenti a diversi gruppi politici. Uno scambio di opinioni, molto tecnico, sollecitato dagli stessi consiglieri, per verificare quali siano le possibilità ed i tempi di intervento.

“Ho ricevuto una richiesta ad agosto da parte di alcuni consiglieri – ha spiegato Fugatti in apertura – ed ho subito chiamato il presidente del Consiglio comunale, Gianpaolo Stiz per informarlo della richiesta. Stiz, a sua volta, mi ha evidenziato come vi fosse il parere favorevole all’incontro da parte sua e anche da parte della conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale. Siamo qui – ha aggiunto il presidente – per illustrare le ipotesi che ad oggi ci sono sul tappeto, ben sapendo che le scelte finali non spettano a noi, ma, ovviamente, alle istituzioni del territorio”.

Gli ingegneri De Col e Monaco hanno poi illustrato e discusso con i consiglieri presenti, che hanno manifestato al presidente l’urgenza di dare risposta al tema del traffico a Rovereto, le tre ipotesi sulle quali si ragiona da anni, ovvero la cosiddetta “secante”, che sarebbe realizzata ad ovest della ferrovia, la circonvallazione leggera ed il progetto di circonvallazione del 2009, che coinvolge l’autostrada del Brennero.

“Il nostro interlocutore – ha detto in conclusione il presidente Fugatti – è in primo luogo la Giunta comunale e dobbiamo tenere in considerazione l’accordo sottoscritto a suo tempo con la Provincia, che prevedeva come soluzione la tangenziale leggera. Questo è allo stato il progetto indicato e noi, nel rispetto dei ruoli, non entriamo nel merito delle scelte che riguardano esclusivamente le istituzioni roveretane”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136