Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Vertice del traffico a Monaco, soluzione europea per il Brennero

martedì, 6 febbraio 2018

Monaco – Misure coordinate per ridurre il traffico lungo l’asse del Brennero. Vertice UE a Monaco, collaborazione tra Italia, Austria e Germania (foto @USP/jw).

ueDopo una serie di rinvii, ha finalmente avuto luogo ieri a Monaco di Baviera il vertice europeo sul traffico lungo l’asse del Brennero. Organizzato dal coordinatore del corridoio scandinavo-mediterraneo della UE, Pat Cox, l’incontro ha visto la partecipazione dei Ministri dei trasporti di Italia, Austria e Germania, nonchè dei governatori locali dei territori interessati, ovvero Baviera, Tirolo, Alto Adige e Trentino.

La Provincia di Bolzano, rappresentata dal presidente Arno Kompatscher, ha avanzato le sue proposte per giungere ad una soluzione di lungo periodo in grado di sgravare il valico alpino dal traffico di transito, e al termine del vertice è emersa la volontà comune di ricercare soluzioni di respiro europeo per risolvere la questione, e in maniera particolare per incentivare il passaggio del traffico da gomma a rotaia. Durante il cosiddetto Brenner Meeting di Monaco, è stato deciso di dare vita ad un gruppo di lavoro che valuterà nel dettaglio tutti gli aspetti legali, infrastrutturali ed economici, e che a maggio si ritroverà a Innsbruck per fare un nuovo punto della situazione. L’obiettivo è quello di partire entro la fine dell’anno con le prime misure concrete del pacchetto di interventi.

Il punto di partenza della posizione altoatesina è rappresentato dal documento comune varato poche settimane fa dall’Euregio che sottolinea come, con oltre 11 milioni di transiti, di cui 2,2 milioni di tir, il Brennero sia ormai giunto al limite delle proprie capacità infrastrutturali. “Per assicurare una migliore qualità di vita ai residenti e per ridurre l’impatto dell’inquinamento sulla salute della popolazione e sull’ambiente – spiega Kompatscher – è necessario mettere in campo un mix di misure coordinate: il pedaggio di corridoio, l’armonizzazione dei sistemi ferroviari per rendere il trasporto su rotaia più attraente, l’istituzione di un punto di controllo dei mezzi pesanti al confine del Brennero per chi proviene da sud e il potenziamento dell’autostrada viaggiante RoLa”. Per quanto riguarda le infrastrutture, il presidente altoatesino ribadisce che “il tunnel di base del Brennero e le relative tratte d’accesso rappresentano la soluzione di lungo periodo in grado di invertire il rapporto tra gomma e rotaia”, ma che nel breve periodo rimane “necessario e irrinunciabile intervenire in maniera incisiva per limitare sia il traffico di transito che il traffico deviato, ovvero quello attirato lungo il Brennero da tariffe e fattori di costo che rendono questo valico più conveniente rispetto agli altri dell’arco alpino”. Presente a Monaco di Baviera anche l’assessore all’ambiente Richard Theiner, il quale proprio con riferimento al traffico deviato aggiunge che “tra i fattori di costo gioca un ruolo importante anche il prezzo del carburante”.

Con un mix coordinato di provvedimenti si punta a invertire la rotta in tema di Modal Split, ovvero di rapporto fra transiti su gomma e su rotaia, che attualmente è di 71 a 29. “Come Euregio – conclude il presidente altoatesino – ci siamo posti l’obiettivo di arrivare ad un equilibrio entro il 2027, per poi compiere il salto di qualità con l’entrata in fuzione del tunnel di base del Brennero e fare in modo che nel 2035 il Modal Split sia di 70 a 30 a favore del ferro”. Oltre al pedaggio di corridoio, l’obiettivo è quello di giungere ad un sistema di monitoraggio in grado di fissare un tetto superato il quale limitare i transiti. Un tema, quest’ultimo, ancora non condiviso da tutte le parti in causa, a partire dalla Baviera. Obiettivo del gruppo di lavoro è proprio quello di smussare gli angoli e trovare soluzioni condivise per questioni potenzialmente problematiche fra i diversi territori presenti lungo l’asse del Brennero.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136