QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Verso il rinnovo del consiglio della Camera di Commercio di Trento. Chiesta maggior presenza femminile

lunedì, 9 giugno 2014

Trento – Verso il rinnovo del consiglio camerale. Lettera alle Associazioni  di categoria, agli organismi in difesa dei consumatori e sindacati. In vista del prossimo rinnovo del Consiglio camerale, il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile e la Commissione provinciale per le pari opportunità tra donna e uomo-XV Legislatura hanno inviato ai Presidenti delle Associazioni di categoria, delle Associazioni a tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti e ai Segretari generali delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, rappresentati presso la Camera di Commercio di Trento (nella foto), una lettera a sostegno dell’importanza di mantenere la parità di genere tra coloro che saranno designati a sedere in Consiglio camerale per il prossimo quinquennio.

“La presenza femminile paritaria nelle sedi di rappresentanza e nei luoghi decisionali della politica ascamera cammercio trento trentinosociativa e del mondo economico – si legge nella lettera – costituisce la condizione di realizzazione di una democrazia compiuta. (…) Per dare un sostegno alla Legge e un forte segnale di innovazione culturale e sociale nel nostro territorio, chiediamo alla Vostra Associazione/Organizzazione di intervenire, proponendo in propria rappresentanza il maggior numero di imprenditrici/esponenti, in quanto nell’ultimo mandato la Camera di Commercio ha avuto solo 6 donne su 47 componenti del Consiglio.

Ricordiamo che la letteratura nazionale e internazionale mette in evidenza come la presenza equilibrata di donne e uomini nei luoghi decisionali, attraverso una leadership mista, oltre che a rispondere a istanze di democrazia ed equità, produca effetti positivi sulla qualità complessiva dell’operato dell’organismo stesso. Superare l’asimmetria di genere – prosegue lo scritto – permette di integrare risorse, competenze, abilità e sensibilità detenute dalle donne, realizzando così una compagine più rappresentativa della società.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136