Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Valtellina e Valchiavenna, “Ski pass provinciale”: al via la quarta edizione. I dettagli

sabato, 5 ottobre 2019

Sondrio – Torna per il quarto anno consecutivo l’iniziativa dello “Ski pass provinciale”, la tessera che consente a bambini e ragazzi dai 3 ai 16 anni, residenti in provincia di Sondrio, di praticare gli sport sulla neve usufruendo gratuitamente di piste e impianti di Valtellina e Valchiavenna. Nei giorni scorsi la formula, identica a quella degli anni passati, è stata condivisa da impiantisti, Provincia, Comunità Montane, Comune di Sondrio e Bim. L’iniziativa, lanciata per la prima volta alla vigilia della stagione invernale 2016/2017, risponde all’esigenza di favorire la pratica sportiva dei ragazzi, attraverso il sostegno alle famiglie. L’anno scorso sono stati rilasciati quasi 10 mila pass, richiesti da utenti realmente interessati, che hanno frequentato le piste da sci durante la stagione invernale. «Si tratta di una delle poche iniziative che copre l’intero territorio – sottolinea il presidente del Bim Alan Vaninetti -. L’auspicio è che ci siano tante attività di questo genere, in grado di superare campanilismi e divisioni». Un concetto condiviso dal vice presidente Fernando Baruffi: «Il  Bim è stato l’ideatore di questa iniziativa e ne è il coordinatore: ne siamo orgogliosi. Il nostro ringraziamento va a tutti i partner che garantiscono collaborazione e sostegno economico». Il consigliere provinciale con delega al Turismo Franco Angelini rende merito a tutti, sottolineando l’importanza di un progetto per il territorio e per le famiglie: «I nostri ragazzi devono crescere con lo sport, ancora meglio se si tratta di discipline da praticare sulla neve sulle nostre montagne». Per Michele Diasio, assessore allo Sport e al Turismo del Comune di Sondrio, l’iniziativa ha una duplice valenza: «La condividiamo perché avvicina i ragazzi allo sport e promuove l’intero comparto turistico».

Per i promotori lo “Ski pass provinciale”  ha un costo pari a 360 mila euro, dei quali 180 mila coperti dal Bim e i restanti dalla Provincia, dalle cinque Comunità Montane e dal Comune di Sondrio. Come avvenuto lo scorso anno, una parte della somma verrà destinata agli impiantisti a parziale copertura dei costi sostenuti e dei mancati introiti, mentre l’altra verrà utilizzata per finanziare una campagna promozionale per valorizzare l’offerta turistica invernale delle stazioni sciistiche della provincia di Sondrio.

Tutti gli interessati hanno tempo fino al 31 ottobre per rinnovare o richiedere la tessera. Al rilascio o al rinnovo sarà richiesto il pagamento di 30 euro, al quale si potrà aggiungere il costo della tessera per chi ancora ne fosse sprovvisto: il contributo era stato introdotto due anni fa per valorizzare l’iniziativa, evitando le richieste da parte di persone poco interessate, e per sensibilizzare rispetto al suo corretto utilizzo. Le famiglie con figli nati fra il 1 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2016 dovranno presentare la domanda presso i 18 recapiti convenzionati, fra Consorzi turistici, Info point, Comuni e Pro Loco, suddivisi per comune di residenza. Serviranno l’autocertificazione della residenza, la fotocopia del documento d’identità e una fototessera recente. I possessori della tessera della stagione 2018/2019 dovranno riconsegnarla al momento della presentazione della richiesta. Sempre nell’ottica di sensibilizzare gli utenti vengono confermati la penale di 100 euro per abusi nell’utilizzo della tessera e il costo di 50 euro per la nuova emissione a seguito dello smarrimento.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136