Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Valtellina al Vinitaly, Fava: “In prospettiva è il territorio col maggior potenziale”

mercoledì, 12 aprile 2017

Verona – “La Valtellina e’ con ogni probabilita’ il territorio con il maggior potenziale in Lombardia. Un territorio piccolo con produzioni limitate, ma qualita’ straordinarie, interessanti in prospettiva, per come sta cambiando il mondo dei consumatori che chiedono prodotti sempre piu’ facili da individuare. Siamo usciti dalla fase di tipicita’ per passare alla fase di distintivita’: le cose che si fanno in Valtellina si fanno solo li’”. fLo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava, presentando la Valtellina a Vinitaly presso il padiglione lombardo, insieme a Mamete Prevostini, presidente di Ascovilo e del ‘Consorzio Vini di Valtellina’, e Attilio Tartarini, direttore del Distretto agroalimentare di qualita’ della Valtellina, riconosciuto da Regione Lombardia nell’ottobre 2010.

“Fino a oggi i prodotti di Valtellina hanno trovato mercato sulla porta di casa – ha spiegato Tartarini – poi si sono allargati al nord del Paese ottenendo risultati importanti. Ora vogliamo espanderci tra Germania e Francia, due mercati importanti. La sfida dei prossimi anni sara’ arrivare li’, e spiegare che abbiamo prodotti eccellenti che possono piacere anche a chi ha abitudini diverse”.

PREVOSTINI: NOSTRO NEBBIOLO REGISTRA INTERESSE E RISULTATI
“Il vino valtellinese sta avendo buoni risultati – ha fatto sapere Prevostini -, siamo passati a un vero interesse per il Nebbiolo da una situazione di iniziale curiosita’. Questo perche’ e’ stato fatto un percorso completo di promozione del territorio. Che e’ sinonimo di bello, pulito e accattivante anche per il modo di vivere. Un’esperienza importante che fa capire che dobbiamo fare promozione in sinergia con gli altri prodotti del territorio”.

BRAND VALTELLINA SI STA FACENDO SEMPRE PIU’ SPAZIO
“Ci sono elementi identitari che dicono che questo piccolo territorio potrebbe diventare uno dei piu’ interessanti in termini di crescita di consumi da parte di una platea sempre piu’ selezionata di soggetti che riconoscono il valore dei prodotti” ha rilevato Fava. “Oggi – ha proseguito – siamo impegnati non tanto nella ricerca di nuovi mercati in quanto tali, ma di spazi che intercettino un valore maggiore del prodotto di montagna. Abbiamo bisogno percio’ di informare i nuovi consumatori con attivita’ appropriate, serie e convinte. Tutto il territorio della provincia di Sondrio ha fatto in questi anni passi avanti per mettersi insieme e comunicare in maniera adeguata sul tema Valtellina”.

LAVORARE SU ORGANIZZAZIONE E PROMOZIONE
“Abbiamo di fronte un brand che si sta facendo spazio nel mondo come elemento di assoluta qualita’ – ha detto in conclusione Fava – . Dobbiamo spingere in questa direzione, emancipando alcune produzioni dal punto di vista qualitativo, come e’ stato in questi anni per la bresaola, legando la produzione alle materie prime. Dobbiamo fare ancora una serie di azioni per sostenere questo percorso, alcune sono gia’ state fatte. Il nostro sostegno c’e’ stato e ci sara’ ancora. La qualita’ c’e’ da sempre, bisogna lavorare su organizzazione e promozione, i due pilastri di cui non si puo’ fare a meno quando si parla di internazionalizzazione”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136