QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Valorizzare la strada dello Stelvio: un piano entro l’estate tra Alto Adige, Lombardia e Grigioni

giovedì, 21 aprile 2016

Stelvio – Assieme alle aree confinanti di Valtellina e Val Monastero, la Provincia di Bolzano vuole valorizzare la strada di Passo Stelvio. Un piano entro l’estate.stelvio strada parco

Non solo nell’area attorno al Passo, ma anche negli interventi per valorizzare la strada dello Stelvio la Provincia vuole collaborare con la Lombardia e il Cantone dei Grigioni: saranno formati gruppi di lavoro con l’incarico di elaborare uno specifico piano congiunto. Su proposta dell’assessore alla mobilità Florian Mussner, nella sua ultima seduta la Giunta provinciale ha dato via libera al progetto. Gli obiettivi sono lo sviluppo sostenibile, un turismo di qualità, un miglioramento dell’area sul piano economico unitamente alla salvaguardia dell’ambiente: tutti traguardi già fissati nel protocollo d’intesa per valorizzare l’area dello Stelvio siglato nel 2015 tra Provincia di Bolzano e Regione Lombardia.

Assieme alle confinanti Valtellina e Val Monastero, la Provincia intende ora migliorare anche lo stato della strada statale che porta ai 2758 metri di Passo Stelvio, con i suoi 48 tornanti sul versante altoatesino e 36 su quello lombardo. Un modello di sviluppo e valorizzazione della strada sarà elaborato entro l’estate da alcuni gruppi di lavoro. “Dovrà essere un modello attuabile in tutte le tre aree interessate“, spiega Mussner.

Una serie di interventi sul tracciato renderanno la strada più facilmente percorribile e soprattutto più sicura. Per quanto riguarda il versante altoatesino, la Giunta provinciale ha già previsto le misure tecniche in materia di sicurezza: l’asfaltatura della carreggiata, il risanamento e consolidamento dei muri di sostegno a monte e a valle, le misure di messa in sicurezza dei versanti rocciosi. L’incrocio a Spondigna è già stato ammodernato, ora si punta a ridisegnare la fortificazione a Gomagoi (la “Franzenshöhe”), “che dovrà diventare un punto di incontro culturale”, spiega Mussner. Un altro importante obiettivo della Provincia è quello di far riconoscere dall’UNESCO la strada dello Stelvio come patrimonio mondiale culturale sul piano tecnico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136