QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Val Sarentino, nuovo collegamento con Bolzano: cerimonia d’inaugurazione. Giovedì l’apertura ufficiale

domenica, 18 dicembre 2016

Sarentino - Nuovi tunnel per Sarentino, collegamento con Bolzano più sicuro. Completate le due nuove gallerie, tra pochi giorni l’apertura al traffico, oggi inaugurazione con il presidente Arno Kompatscher e l’assessore Florian Mussner.

Nella foto USP il taglio del nastro da parte delle autorità per la nuova statale della Val Sarentino. Sostituire 15 gallerie antiquate, non più adatte alle moderne esigenze di traffico e dunque pericolose per automobilisti e motociclisti, con due nuovi tunnel in grado di rendere più rapido e sicuro il collegamento tra la Val Sarentino e Bolzano, percorso quotidianamente da circa 1.400 pendolari e 400 scolari. Questo l’obiettivo che si era data nel 2012 la Giunta provinciale, la quale oggi raccoglie i frutti dell’intenso lavoro degli ultimi anni.

kompatscher-inaugurazione-1

Il presidente Arno Kompatscher e l’assessore ai lavori pubblici Florian Mussner hanno infatti inaugurato il nuovo percorso della strada statale della Val Sarentino: il tunnel Grafenstein, lungo 1,52 km. e il tunnel Goldegg (lungo 2 km.) sono stati completati pochi giorni fa, con un investimento complessivo di 63 milioni di euro per due opere considerate particolarmente complesse dal punto di vista tecnico.

“Mettere a disposizione del territorio una rete viaria moderna e sicura – ha sottolineato il presidente Kompatscher – rappresenta una priorità in quanto consente di garantire la raggiungibilità, fattore centrale per il mantenimento del benessere economico soprattutto nelle zone più periferiche. Per questo motivo, il completamento dei due tunnel equivalgono ad una garanzia per il futuro economico della Val Sarentino”. L’assessore Florian Mussner ha invece posto l’accento sul fattore sicurezza, “aspetto da non sottovalutare dato che ogni giorno i veicoli in transito sono circa 5mila. Le nuove gallerie – ha spiegato l’assessore – rispettano i più avanzati e moderni standard di qualità, e sono dotate rispettivamente di tre e cinque vie di fuga che le rendono particolarmente sicure”.

Soddisfatto per la conclusione dei lavori e per l’imminente apertura al traffico della nuova strada, prevista per il 22 dicembre, il sindaco di Sarentino Franz Locher, il quale ha ricordato che “per decenni questa strada è stata tra le più pericolose di tutto l’Alto Adige, mentre ora, grazie agli interventi svolti, può essere considerata moderna, sicura ed efficiente”. I lavori, avviati nel 2012, hanno riguardato un tratto lungo circa 4 chilometri, nella parte iniziale della statale: oltre alle due gallerie di 1,52 chilometri (Grafenstein) e di 2 chilometri (Goldegg), che sostituiscono i 15 tunnel di vecchia concezione, vi sono altri 170 metri di percorso all’aperto, mentre la carreggiata è stata ampliata sino a raggiungere una larghezza di 8 metri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136