QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Universiade, tutte le medaglie realizzate dalla Scuola d’Arte di Fassa

mercoledì, 11 dicembre 2013

Trento - Un tocco ladino non poteva mancare nella XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Il disegno delle medaglie che andranno al collo dei migliori atleti della rassegna, che si apre oggi ufficialmente con la Cerimonia d’apertura in piazza Duomo a Trento (ore 18), sono state realizzate presso l’Istituto Ladino d’Arte (Scola d’Ert) Soraperra di Pozza di Fassa.medaglia universiade

In particolare, tra tutti i progetti artistici realizzati dagli studenti del liceo, la FISU ha scelto quello di Samantha Salvador. A celebrare questo significativo momento oltre a Maurizio Rossini, responsabile marketing dell’Universiade Trentino 2013, anche la Sorastant (direttore didattico dell’Istituto di Fassa) Mirella Florian e il presidente dell’Azienda per il Turismo di Fassa Enzo Iori. (credits fotografici: © Mauro Bonvecchio)

L’incontro in Val di Fassa è servito soprattutto per mostrare in anteprima le medaglie, realizzate da Gianfranco Obrelli, orafo che ha avuto il compito di dare vita materialmente al progetto della studentessa, realizzando complessivamente 200 medaglie per ogni metallo da consegnare ai primi tre nei 78 eventi previsti. La medaglia, che presenta un diametro di 6 centimetri e uno spessore di 5 millimetri, include nella realizzazione alcuni elementi emblematici del territorio trentino, ovvero le Dolomiti, il legno, le montagne, i minerali e i cristalli, componenti essenziali che in fase di approccio aveva individuato il professore Tiziano Deflorian.

In seguito, è stato presentato porta medaglia in legno, realizzato da Diego Fanton, altro studente dell’Istituto, scelto fra tante idee di studenti della scuola fassana in un progetto coordinato dal professor Flavio Tessadri, mentre la realizzazione della mascotte è stata curata dalla professoressa Lara Steffe.

È stata l’occasione per evidenziare anche l’altro impegno della Scuola Ladina di Fassa dopo l’esperienza già effettuata ai Mondiali Studenteschi di Folgaria e ai Mondiali di sci nordico della Valle di Fiemme, ovvero la partecipazione diretta con il Comitato Organizzatore in alcuni settori chiave, grazie al supporto di uno student staff coordinato dalla professoressa Ilaria Sartor. Nel dettaglio, 29 ragazzi, dei quali 21 impiegati negli info point e 8 nel servizio di accoglienza negli hotel della valle, dove verranno ospitate le competizioni di hockey (Canazei) e sci alpino (Passo San Pellegrino e Pozza di Fassa). Questo significativo momento ha messo in evidenza quale sia la filosofia principale della Winter Universiade Trentino 2013, ovvero quella di coinvolgere i giovani e il territorio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136