QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Universiade: siglata l’intesa tra Provincia e Comune di Trento per gli impianti Asis e Funivie

venerdì, 6 settembre 2013

Trento. Un patto per lo sport e per sostenere le spese per gli interventi agli impianti in vista dell’evento di dicembre. Il Comitato organizzatore dell’Universiade invernale Trentino 2013 e il Comune di Trento, con Asis e Trento Funivie, ha siglato una convenzione che garantisce il finanziamento di alcuni interventi di adeguamento delle strutture che saranno sede degli eventi sportivi previsti nel capoluogo e sul Monte Bondone dall’11 al 21 dicembre prossimi. Porta la firma di Marta Sansoni (dirigente del servizio Istruzione e Sport del Comune di Trento), Sergio Anesi (presidente Trentino 2013), Fulvio Rigotti (Presidente Trento Funivie) e Luciano Travaglia (direttore di Asis). Vi è previsto un sostegno finanziario complessivo di circa 370 mila euro, interamente coperto dalla Provincia autonoma di Trento.

L’ACCORDO

Quello di Trento è l’unico caso di intervento veicolato attraverso un Comune, mentre negli altri ambiti, sciare_tonale14il protocollo d’intesa interessa le Comunità di Valle (Fiemme, Comun General de Fascia e Valsugana e Bersntol), come è già avvenuto nel corso di questa settimana per Baselga di Pinè e avverrà prossimamente per Pergine. “Questo accordo dà il via ai lavori di allestimento delle strutture sportive. L’Universiade è certamente una grande occasione di visibilità e di promozione per la città e il Monte Bondone – chiarisce Marta Sansoni – ed era certamente importante siglare questo accordo che garantisce il trasferimento di risorse importanti in un momento non facile. L’amministrazione comunale svolge, in quest’ambito, una funzione di garanzia e di supporto a sostegno tra il Comitato organizzatore e i due Enti strumentali, Asis e Trento Funivie, direttamente coinvolte nell’Universiade invernale”. Il coinvolgimento diretto delle comunità territoriali nell’organizzazione del grande evento sportivo è fattore giudicato indispensabile per preparare l’ “Universiade” della comunità dei cittadini, quale significativa apertura del territorio alla cultura internazionale e nel contempo alla conoscenza delle peculiarità del Trentino per atleti, tecnici e delegazioni che giungeranno da ogni parte del mondo. “E’ un momento importante – aveva detto Mauro Gilmozzi – Assessore provinciale all’urbanistica, enti locali, personale, lavori pubblici e viabilità in occasione della firma del protocollo preliminare alle convenzioni – e una conferma della riuscita collaborazione tra i territori, in questo caso ben tre Comunità e il Comune di Trento, che mettono a regime il finanziamento della Provincia e il decisivo apporto del comitato, a sua volta supportato dalla forza trainante del volontariato. Sono investimenti importanti che ricadono sul territorio, in una logica low cost su cui, come sappiamo, è informata tutta l’Universiade e che comunque rende attuabile un grande appuntamento. Un altro passo per arrivare all’appuntamento dell’11 dicembre, nuova straordinaria occasione di visibilità e di crescita per tutto il Trentino”. Le spese programmate nel piano operativo relativo agli enti locali, pari a complessivi 1.536.700 milioni di euro sono coperte per intero dalla Provincia a valere sui fondi della finanza locale ed in particolare sul fondo sviluppo locale.

LE OPERE PREVISTE

Gli interventi riguardano, nel dettaglio: il Comune di Trento per i siti di gara Monte Bondone (snowboard, freestyle) e Palaghiaccio (pattinaggio figura, pattinaggio short track); per un totale di € 369.050 di cui € 205.700 Palaghiaccio e € 163.350 Monte Bondone; Comunità Alta Valsugana e Bersntol per i siti di gara Ice Rink Pinè (pattinaggio velocità, curling) e Palaghiaccio di Pergine Valsugana (hockey femminile); per un totale di € 381.150 di cui € 278.300 Ice Rink Pinè e € 102.850 Palaghiaccio – Pergine Valsugana; Comunità territoriale della Val di Fiemme per i siti di gara Stadio del Salto di Predazzo (salto, combinata nordica salto), Stadio del fondo di Tesero (fondo, combinata nordica fondo) e Palaghiaccio di Cavalese (hockey maschile); per un totale di € 447.700 di cui € 199.650 Stadio salto – Predazzo, € 211.750 Stadio fondo – Tesero e € 36.300 Palaghiaccio – Cavalese; Comun General de Fascia per i siti di gara Pista Alloch Pozza di Fassa (sci – gigante e slalom), San Pellegrino Moena (sci – discesa libera e super gigante), Palaghiaccio Canazei (hockey maschile e cerimonia di chiusura); per un totale di € 338.800 di cui € 114.950 Pista Alloch – Pozza di Fassa, € 96.800 San Pellegrino – Moena e € 127.050 Palaghiaccio – Canazei.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136