QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Un saluto speciale al comando dei carabinieri: Pio Fermo Cicona lascia il servizio dopo 46 anni

lunedì, 19 maggio 2014

Brescia – Una festa per il Luogotenente Pio Fermo Cicona che lascia il servizio. Quella odierna, al Comando Provinciale Carabinieri di Brescia, non poteva essere una giornata come tutte le altre. Al compimento del suo 65° anno di età infatti lascia il servizio attivo il Luogotenente Pio Fermo Cicona dopo 46 anni di servizio in questa Istituzione.SONY DSC

Era il 1968 quando il giovane Cicona varcava il portone della Scuola Allievi Carabinieri di Roma; al termine del periodo di addestramento la destinazione alla Stazione Carabinieri di San Vito di Braies in provincia di Bolzano. Vi trascorre solo un anno ed entra alla Scuola Sottufficiali ed al termine del corso biennale viene destinato in questa città dove presterà servizio prima al Nucleo Operativo e Radiomobile, poi nello staff dell’allora Legione Carabinieri. Resterà ancora a Brescia, presso questo Ufficio Comando dopo la riorganizzazione dell’Arma che vede la soppressione della Legione.

In questi lungo periodo della sua carriera, e della sua vita, il Luogotenente Cicona ha vissuto intensamente tutti momenti importanti, gioiosi e tristi, che hanno segnato la vita dell’Arma bresciana e della città e che, sicuramente, hanno lasciato nel suo animo molti ricordi.

Anche questa mattina è arrivato in ufficio prima di tutti, a differenza degli altri giorni non sarà l’ultimo ad andarsene. Verso mezzogiorno, nella sala di rappresentanza del Comando Provinciale, il Colonnello Giuseppe Spina (a sinistra nella foto) gli ha tributato, insieme a tutto il personale della Caserma Masotti, un accorato saluto al quale il Luogotenente Cicona ha risposto con un breve commosso saluto di ringraziamento a tutti coloro che con lui hanno condiviso parte della sua esperienza e vita nell’Arma.

“Mancherà ora un prezioso punto di riferimento, una memoria storica di questo Comando Provinciale, una persona sulla quale si poteva sempre fare affidamento” ha detto il Comandante Provinciale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136