QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Un patto tra Regione e banche per rilanciare il turismo montano e la Valtellina

venerdì, 26 settembre 2014

Aprica – Un patto per il turismo e per gli impianti di risalita. E’ quanto è stato sottoscritto stamani in Regione Lombardia tra gli istituti di credito Banca Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese e le società che gestiscono gli impianti. Aprica, Bormio, Chiesa Valmalenco, Livigno , Madesimo e Gerola, per citare quelli più importanti, avranno delle nuove opportunità finanziarie.”Le nostre montagne e l’attività sciistica invernale rappresentano un’importante ricchezza per la nostra regione. Gli impianti di risalita soffrono una situazione finanziaria molto difficile, hanno debiti complessivamente per 250 milioni di euro, per questo oggi abbiamo istituito un Tavolo per trovare soluzioni innovative, per fare in modo che questa grande ricchezza che abbiamsciare_tonale14o sia davvero una ricchezza e non una fonte di debito. Il Tavolo che costituiamo oggi serve per trovare soluzioni e modalità innovative per il rilancio delle società degli impianti di risalita e rappresenta un sostegno all’economia lombarda, attraverso appunto gli interventi sugli impianti di risalita”. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, nel corso della conferenza stampa successiva alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa, tra Regione Lombardia, Provincia di Sondrio e gli Istituti di credito locali, sugli impianti di risalita.

REGIONE PRONTA A COPRIRE SPESE

“La gara di Coppa del Mondo a Bormio – ha aggiunto Maroni – si deve fare, questa è la nostra posizione: a breve convocheremo il gestore degli impianti, che non sembra sia d’accordo e non vuole dare l’assenso alla gara, e cercheremo di convincerlo che la gara va fatta: sarebbe un grave danno per la Lombardia se la gara di Coppa del Mondo non si facesse. Faremo di tutto, perché la gara si faccia: per questo abbiamo dato la disponibilità come Regione a intervenire per coprire eventuali spese”.

L’OBIETTIVO

“L’obiettivo che ci siamo dati – ha detto Ugo Parolo, sottosegretario regionale alla Montagna – è che il gruppo di lavoro, cui partecipano, oltre ai rappresentanti istituzionali e i gestori, anche rappresentanti degli istituti bancari che vantano crediti con i gestori degli impianti, ovvero Banca Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese, arrivi a definire soluzioni ai problemi finanziari
di queste importanti strutture, che sono messe in crisi da stipendi, costi di funzionamenti, oneri di gestione e adeguamento alle normative di sicurezza”.

DA REGIONE UN BANDO DA 6 MILIONI

“Come Assessorato – ha spiegato l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi – siamo già intervenuti con un bando da 6 milioni per gli impianti di risalita e 11 interventi hanno riguardato la provincia di Sondrio”.  ”Queste sono ore decisive per la definizione del calendario della Fis della Coppa del Mondo di Sci alpino – ha proseguito Rossi -. Spero che la società che gestisce gli impianti di risalita di Bormio possa trovare un accordo con la Fisi e accettare la data del 28 dicembre per ospitare la prova di
discesa libera del Circo Bianco, poiché dà una visibilità unica a tutta la Valtellina dal punto di vista sportivo e turistico”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136