QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Un atelier chiamato Brennero: è partito il progetto “Tessuto sociale”

mercoledì, 24 febbraio 2016

Bressanone – Creazione d’impresa come promozione di comunità: è con questa convinzione che la coop sociale Atelier di Bressanone sta portando avanti un progetto a Passo Brennero, destinato a immettere nel mondo dell’imprenditoria donne sia straniere che italiane. E i primi passi sono incoraggianti.tessuto sociale

A metà gennaio i responsabili di Atelier, Francesco Tancredi e Caroline Leitner, hanno incontrato alcune donne di Brennero per spiegare lo scopo del progetto e raccogliere informazioni sulle loro abilità lavorative. Positivo il riscontro: “Alla presentazione – racconta Caroline Leitner – sono venute molte più donne di quanto ci aspettassimo. Oltre alla nostra cooperativa e al progetto “Tessuto sociale” abbiamo anche presentato la designer Patrizia Bertolini e distribuito un questionario per capire le abilità manuali delle donne e il loro grado di conoscenza delle varie tecniche (maglieria, sartoria, ricamo ecc.).

Devo dire che le donne (in prevalenza extracomunitarie ma anche italiane) si sono dimostrate incuriosite e molto motivate a partecipare al progetto. Alcune sono già brave in sartoria e ricamo, e i lavori che hanno portato all’incontro ci hanno sorpresi per la raffinatezza”.

Dopo questa fase preliminare il progetto prenderà 2 direzioni: produzione e creazione. “Nel primo caso – spiega Leitner – si parla di manifattura per conto terzi, ovvero le donne di Brennero produrranno borse che poi saranno vendute in un negozio di Vipiteno e in altri posti che stiamo cercando. Le partecipanti non solo impareranno a produrre un manufatto, ma potranno anche capire cosa vuol dire realizzare e vendere un prodotto in una piccola impresa. La direzione creativa invece prevede la creazione di un prodotto, ancora da individuare, in collaborazione con la designer Patrizia Bertolini. Lo scopo di questo indirizzo è di creare un prodotto di alta qualità che colleghi le loro tecniche tradizionali con un prodotto tradizionale sudtirolese”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136