QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Trento: segreteria politica e gruppo consiliare provinciale del PATT richiamano Baratter. M5S all’attacco

venerdì, 24 febbraio 2017

Trento – La Segreteria politica e il Gruppo consiliare del Partito Autonomista Trentino Tirolese hanno preso atto della richiesta della coalizione che sostiene il Governo provinciale di un ulteriore approfondimento sulla situazione generata dalle vicende che hanno interessato il consigliere Lorenzo Baratter (nella foto) e, con senso di responsabilità coalizionale, invitano lo stesso Baratter a tenere un profilo comportamentale adeguato al ruolo istituzionale rivestito.lorenzo baratter

CORRUZIONE ELETTORALE IN TRENTINO, M5S VA ALL’ATTACCO: È SCANDALO DI RILIEVO NAZIONALE 

“Sulla vicenda Baratter la maggioranza continua a fare orecchie da mercante. Le sue dimissioni da consigliere sono il minimo sindacale di fronte al gravissimo atto politico di cui si è reso responsabile, firmando l’accordo elettorale che il Tribunale ha giudicato come corruzione elettorale. Rossi e i partiti che lo sostengono continuano invece a difenderlo in maniera irresponsabile, gettando discredito sulle istituzioni democratiche e sulla nostra autonomia di fronte a tutto il Paese. Mentre questo scandalo ha già assunto rilievo nazionale e i cittadini aspettano una presa di posizione decisa, la coalizione di centrosinistra continua a tergiversare, dimostrando di considerare la corruzione elettorale una leggerezza o ingenuità”. Lo dichiarano il deputato Riccardo Fraccaro e il consigliere provinciale Filippo Degasperi del M5S.

“Quando lo scorso anno l’accordo segreto è venuto a galla, tutti i partiti, dal primo all’ultimo, hanno fatto a gara per minimizzare l’accaduto. Tutti, tranne il M5S. Ora che grazie al lavoro del M5S la gravità di questa vicenda è chiara a tutti, pretendiamo dalla maggioranza PD-PATT-UPT una presa di posizione chiara e univoca: siamo di fronte ad un vulnus politico che delegittima le istituzioni e va risolto subito, senza indugi né misure di facciata, che finirebbero solo per alimentare l’esasperazione sociale. Il M5S sta portando avanti questa battaglia da mesi e andrà fino in fondo per tutelare i diritti democratici e le istanze dei cittadini onesti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136