QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Trento: presenze record nel primo giorno della Triennale Internazionale del Legno

venerdì, 17 ottobre 2014

Trento – Grande successo nel primo giorno di apertura della Triennale Internazionale del Legno, organizzata dall’Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento per valorizzare e promuovere la filiera artigianale del legno del Trentino. Un settore trainante questo che vanta 1.300 aziende artigiane e 5.000 addetti alla lavorazione e che si mette in mostra fino a domenica 19 ottobre.t2

La manifestazione, che coinvolge circa un centinaio di imprese tra espositori e partner che hanno collaborato all’offerta culturale, è per il presidente dell’Associazione Roberto De Laurentis «il modo per far uscire dalle botteghe le capacità e la maestria degli artigiani trentini».

«Il momento è particolare – ha affermato De Laurentis, che si è richiamato anche alla famiglia più nobile e sacra tra i falegnami, quella di Gesù – ma stiamo riscoprendo sempre di più il legno per la sua grande capacità di morire e rinascere sotto forme sempre nuove e diverse». Affianco al presidente, c’erano l’intera Associazione Artigiani, con il presidente della Federazione del Legno Tullio Polo e gli artigiani associati, e le istituzioni rappresentate dal sindaco di Trento Alessandro Andreatta e dal vicepresidente della Provincia Alessandro Olivi.

Nel dare il benevnuto della città di Trento, il primo cittadino ha ricordato l’importante ruolo che l’Associazione Artigiani svolge nella promozione culturale e si è augurato che, grazie all’imprenditorialità e alla professionalità delle aziende, il settore del legno trentino possa vincere la sfida della qualità. Olivi, invece, richiamandosi al filo conduttore del salone espositivo, ha sottolineato come «l’intreccio tra le imprese, tra le associazioni, e tra associazioni e mondo del lavoro, tra l’Italia e la Svezia, sia il modo giusto per uscire dalla crisi».

Il vicepresidente dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento Ugo Bazzanella ha infine ricordato la collaborazione nata tra progettisti e artigiani per la realizzazione degli innovativi oggetti a intreccio e il workshop, organizzato dall’Associazione Giovani Architetti del Trentino per la progettazione dell’allestimento del piano “culturale” della Triennale.

Il risultato si è potuto ammirare ieri sera in anteprima assieme alle creazioni a intreccio del passato, quelle di oggi e quelle declinate secondo il gusto svedese, al settore dedicato interamente alla Svezia e alle nostre aziende espositrici. Il salone si apre oggi al pubblico con le mostre e la ricca offerta culturale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136