QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trento, interrogazione del gruppo M5S sul punto panoramico Busa degli orsi

martedì, 22 agosto 2017

Trento – Interrogazione a risposta scritta presentata dal gruppo consigliare comunale M5S sul nuovo punto panoramico Busa degli Orsi a Sardagna. Il documento è stato firmato dai consiglieri comunali M5S, Paolo Negroni, Andrea Maschio e Marco Santini.

punto panoramico Sardagna Trento

“Come già fatto precedentemente – si legge nell’interrogazione – ribadiamo le nostre perplessità nell’aver affrontato una spesa rilevante per una struttura che poco serviva visti i già numerosi e abbandonati punti di osservazione sull’area in oggetto. Già peraltro sito purtroppo utilizzato più volte per scelte tragiche cosi realizzato non aiuta certo a diminuire tale rischio. L’interrogazione tuttavia verte sulle scelte progettuali che evidenziano come dalla prima rampa di scale per accedere alla vista panoramica principale (si vedano le foto allegate peraltro la prima scattata dal Comune in maggio prima dell’inaugurazione) sia facilissimo inciampare e cadere per colpa di un rialzo letteralmente invisibile. L’illusione ottica è pericolosa ed in effetti è quasi impossibile vedere la differenza fisica degli spazi”.

“La soluzione “studiata” – prosegue l’interrogazione – è stata quella di apporre due cartelli provvisori. Un po’ come i rimedi pensati a posteriori sulla ciclabile di Via F.lli Fontana in corrispondenza del “tombone”. Ora ricordando che il progettista ha una responsabilità diretta sugli errori progettuali si interrogano il Sindaco e la Giunta al fine di sapere:

1. perché, in controtendenza alle scelte della Pat di chiudere l’accesso al balcone dell’hotel Panorama per pericolosità del muro della terrazza stessa, noi Comune scegliamo di aprire un salto nel vuoto proprio nel punto usato come ormai noto per scelte tragiche;
2. quale sia il rimedio definitivo pensato per risolvere l’attuale pericolo di inciampo e caduta;
3. se è previsto che il progettista (come accade per i liberi professionisti che devono per Legge avere peraltro un’assicurazione apposita) paghi di tasca sua gli adattamenti necessari”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136