QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino, il prossimo weekend la sedicesima edizione de “La Casolara”

giovedì, 30 gennaio 2014

Trento – Torna l’8 e il 9 febbraio 2014 la sedicesima edizione de “La Casolara”, la tradizionale fiera delle migliori produzioni di formaggio. E’ sempre la suggestiva cornice di piazza Fiera a Trento ad ospitare circa 30 espositori selezionati, che propongono i loro migliori prodotti all’interno delle caratteristiche casette in legno, aperte dalle 10 alle 19.casolara

La Casolara è la fiera dei formaggi di alta qualità. La manifestazione enogastronomica si avvia a diventare una delle più rinomate dell’intero panorama nazionale, una delle poche ad ospitare i presidi Slow Food. Ad organizzarla, come sempre, Trento Fiere Spa, in sinergia con Trentino Sviluppo, l’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Trento e la Camera di Commercio di Trento.

Un itinerario all’insegna del gusto, durante il quale si possono assaggiare e apprezzare le peculiarità delle diverse produzioni artigianali dei formaggi tipici dell’arco alpino.

I Laboratori del Gusto

Nella parte centrale di Piazza Fiera, vengono organizzati, per il secondo anno consecutivo, i “Laboratori del gusto”. I visitatori possono essere “educati” ad un corretto e consapevole consumo dei prodotti caseari, attraverso informazioni e curiosità che riguardano il mondo del latte e dell’arte casearia.

Un’area è riservata anche ai più piccoli. Bambini e ragazzi possono vivere un’esperienza unica, quella di assistere in diretta e cimentarsi nella produzione del formaggio, sotto la guida degli studenti della Fondazione Edmund Mach. I giovani produttori potranno poi portare a casa il frutto del loro lavoro.

I Presìdi Slow Food e l’Onaf

Genuinità e biodiversità alimentare: la Casolara scende in piazza a fianco di Slow Food Trentino. Ecco i presidi Slow Food che si trovano in questa edizione: Toma di Pecora Brigasca, Asiago Stravecchio, Grigio Alpina, Bagòss e Casatella Trevigiana.
Da segnalare anche la presenza, durante tutto l’arco della manifestazione, dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio (Onaf).

La storia

La Casolara affonda le sue radici nella tradizione della popolazione trentina: fin dal XII secolo, infatti, esisteva a Trento una sorta di fiera del formaggio dove i fedeli cristiani potevano acquistare formaggi di produzione locale in modo da creare una “scorta” per affrontare il periodo quaresimale in cui è proibito cibarsi di carne e di brodo. Ecco, quindi, descritta l’antica “Dominica Casolariae”. Da cui, nel 1999, ha preso eredità la Casolara, allo scopo di tornare a valorizzare la storia enogastronomica delle genti di montagna e dei suoi prodotti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136