QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Trenitalia: in Trentino i nuovi treni Coradia Jazz per i pendolari

sabato, 22 ottobre 2016

Trento – Come anticipato il 25 marzo scorso, quando era stato sottoscritto il nuovo contratto con Trenitalia, della durata di nove anni e dal valore di 180,4 milioni di euro, sono stati consegnati ieri 3 dei 6 nuovi treni Coradia Meridian Jazz che hanno già preso servizio sulla linea del Brennero da qualche giorno. A novembre saranno operativi gli altri 3 treni previsti dal contratto.

I nuovi materiali rientrano nell’ambito di una operazione di rinnovo del parco rotabile della linea del Brennero avviata due anni fa congiuntamente dalle Province di Trento e Bolzano. Alstom Coradia Jazz a 6 casse, ovvero con 300 posti a sedere e attrezzati stabilmente per il carico di 24 biciclette, che diventeranno 30 in estate. Infine i nuovi treni, come anticipato a luglio alla presentazione della nuova strategia di brand identity territoriale, sono contraddistinti dal marchio Trentino.

Stamani, nella stazione di Trento, i treni sono stati presentati al governatore del Trentino, all’assessore provinciale alle infrastrutture e all’ambiente, al dirigente alle infrastrutture e mobilità Raffaele De Col e al dirigente del servizio trasporti pubblici, Roberto Andreatta, dal direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, Orazio Iacono e dal Direttore Provinciale Trento, Roger Hopfinger.

“Sono qui oggi per rappresentare i cittadini trentini – ha detto il governatore del Trentino – e dire grazie a nome dei cittadini che useranno questo servizio. E’ una sfida che vinciamo e che continua, sono infatti in arrivo altri tre nuovi treni. Crediamo in una mobilità sempre più orientata al ferro e di qualità. Possiamo dire che il Trentino è già ad ottimi livelli”.treno-trentino-trenitalia

L’assessore provinciale alle infrastrutture e all’ambiente ha invece sottolineato come “il Trentino stia investendo sulla mobilità sostenibile. Il nuovo contratto ci ha permesso di offrire un servizio migliore, con un contenimento dei costi e allo stesse tempo un investimento in nuovi treni che ci permette di aumentare la flotta regionale. E’ un Trentino che investe sul corridoio del Brennero, compartecipando ad un progetto più ampio. Crediamo fermamente che questo sia un comparto strategico per il futuro della nostra terra”.

I treni della famiglia Coradia Meridian sono realizzati da Alstom in Italia e sono composti di 6 unità (con più di 300 posti a sedere), diversamente da complessi nuovi circolanti nel resto d’Italia di 4 o 5 unità. Il trasporto ferroviario regionale sulla linea del Brennero si arricchisce quindi, dopo l’aggiunta lo scorso anno dei due nuovi treni Flirt della Stadler, di altro nuovo materiale rotabile.

L’ingresso alle carrozze “a raso” della banchina facilita la salita dei passeggeri, mentre le pedane retrattili, installate su ogni porta, permettono un accesso agevole anche ai passeggeri a minore capacità motoria. I treni hanno livelli di rumorosità ridotti grazie alle tecniche di modellazione dei campi aero-acustici.r

Più attenzione anche al trasporto bici. Grazie ai nuovi portabici il trasporto bici passerà dalle 8 biciclette, oggi, caricabili a bordo ad un totale di 24, che salgono a 30 nei mesi estivi. Un passo importante per una migliore integrazione dei mezzi di trasporto, nell’ottica di una mobilità sostenibile.

I nuovi treni presentano allestimenti interni capienti e adatti al trasporto regionale. Le sedute sono caratterizzate dal tessuto «Loden» anche per facilitare la pulizia e la manutenzione avendo caratteristiche (idrorepellenza, pulizia, durata) che dà maggiori garanzie «gestionali»rispetto ad altri materiali.coradia-treno-trentino-trenitalia

Attenzione anche alla sicurezza: ogni treno è infatti dotato di un impianto di video sorveglianza. Con i 6 nuovi treni più del 70% delle corse sul fondovalle lungo la linea del Brennero avverranno con mezzi nuovi. Anche la Provincia di Bolzano sta facendo un’operazione analoga, entro 5 anni il 100% dei treni che servono la tratta saranno quindi nuovi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136