Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Trasporto ferroviario: ancora ritardi e cancellazioni in Lombardia. Legambiente aderisce a protesta dei pendolari

martedì, 10 aprile 2018

Tirano – Passata la campagna elettorale, tra progetti e promesse, ora bisogna ricominciare a fare i conti con i disagi che quotidianamente vivono i pendolari, in particolare quelli che scelgono di muoversi con i treni regionali. Anche a marzo si è confermata la pesante situazione del trasporto ferroviario regionale, ogni giorno sempre più insostenibile. Per questo Legambiente Lombardia ha deciso di aderire alla protesta del Comitato Pendolari della Gallarate-Milano e lancia un appello a tutti gli interessati affinché siano presenti domani 11 aprile alle 18 in stazione Milano Garibaldi.

«I pendolari che ogni giorno fanno una scelta di mobilità sostenibile utilizzando il treno per spostarsi in Lombardia, meritano più rispetto. È quanto mai urgente intervenire per sanare una situazione sempre più inaccettabile – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Dalla nuova Giunta regionale ci aspettiamo interventi nei confronti di Trenord laddove i disagi siano imputabili alla gestione del servizio nonché  alla definizione con Rfi di piani di adeguamento della rete ferroviaria regionale. Altro che incentivare gli automobilisti, serve una profonda cura del ferro».

Da Legambiente ci si augura che le disfunzioni dei mesi scorsi non si ripetano. Le soppressioni e i convogli inadeguati al numero di passeggeri hanno fatto registrare numeri importanti sul passante Varese-Treviglio dove sono state 274 le cancellazioni; sulla linea Milano-Brescia e sulla Bergamo-Milano via Carnate 25 treni cancellati e oltre 2 ore di ritardo per la manutenzione delle linee di competenza di Rfi in un solo giorno; il venerdì prima di Pasqua sul treno Milano Centrale diretto in Valtellina sono dovute intervenire le forze dell’ordine per far scendere passeggeri ammassati perché il treno non riusciva a partire. Solo alcuni esempi per sottolineare condizioni che richiedono l’immediata attenzione da parte della nuova Assessora ai Trasporti di Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136