QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Touring Club Italiano, Ala festeggia la giornata delle Bandiere Arancioni: un ricco programma di iniziative culturali e gastronomiche nel weekend

venerdì, 10 ottobre 2014

Ala – Sono già passati sette anni da quando il Touring Club Italiano, la nota associazione non profit che da oltre un secolo si occupa di diffondere la cultura del turismo nei luoghi da non perdere della penisola italiana, ha accolto nel novero delle Bandiere Arancioni il Comune di Ala: «La varietà e l’autenticità delle manifestazioni e degli eventi che si tengono nel Comune – possiamo leggere tra le motivazioni della selezione – contribuiscono a creare un’atmosfera tipica. Speciale è l’accoglienza e l’ospitalità della comunità locale e degli operatori nei confronti dei visitatori». Accedere al Network delle Bandiere Arancioni garantisce ai piccoli borghi prescelti una visibilità internazionale del proprio territorio e delle attività promosse.val-di-pejo-4

È per questo che Ala non può mancare alla Giornata delle Bandiere Arancioni, indetta domenica 12 ottobre 2014 sotto l’Alto Patronato del presidente della Repubblica e con il Patrocinio di EXPO Milano 2015, nel centinaio di località italiane selezionate e certificate dal marchio di qualità assegnato dal Touring, offrendo un ricco programma di iniziative alla scoperta del proprio centro storico e dei dintorni: visite guidate gratuite, degustazioni e attività per grandi e bambini, eventi aperti a tutti e tante informazioni utili per chi viaggi alla scoperta delle bellezze artistico-paesaggistiche meno note e frequentate territorio, imparando l’importanza della corretta fruizione e tutela delle risorse.

Già a partire da sabato 11 sarà possibile assaporare le proposte del Mercatino dei Sapori in via Nuova, organizzato dall’Associazione La montagna in città, che porterà ad Ala le eccellenze delle produzioni artigianali, non solo locali, ma di tutta l’Italia, in particolare di pane, formaggio e salumi tipici.

Nella Biblioteca Comunale apre la mostra di ricami e lavori manuali presso la Sala Coser e sarà possibile approfittare della vendita di libri usati; nell’antico mulino della fucina Cortiana, Mario Cortiana ci porterà alla scoperta della storia della sua famiglia e dei segreti della lavorazione del ferro, mettendo in funzione gli antichi strumenti della fucina dove suo zio, il fabbro artigiano Francesco Cortiana, produceva attrezzi da taglio per l’attività agricola e boschiva, servendosi di un maglio e di una mola azionata dall’acqua del torrente, fino agli anni Ottanta del secolo scorso; alle ore 21 presso il Teatro Sartori, andrà in scena lo spettacolo Il dramma della Toldina che racconta i retroscena della vicenda della strega di Pilcante di Ala, soffermandosi sui pregiudizi e le credenze popolari che hanno accompagnato questo triste episodio della nostra storia (testo tratto da Na dona de algeri di Francesca Aprone, regia di Bruno Vanzo) – ingresso gratuito, come per tutte le proposte.

Dopo l’assaggio del sabato, quindi, domenica 12 si svolgeranno tutte la attività di intrattenimento e coinvolgimento lungo le vie del borgo e all’interno di palazzi storici e chiese, con accompagnatori d’eccezione: figuranti in costume di nobili e vellutai animeranno la visita di un centro storico barocco tra i più significativi del Trentino, sul filo della memoria e dei preziosi velluti di seta che nel Settecento resero celebre la città di Ala, dotandola e arricchendola di affascinanti dimore che ospitarono regnanti e artisti da tutta Europa.

Lungo un percorso di un paio d’ore, saremo così guidati nei palazzi Azzolini, Gresti Filippi, Angelini, Malfatti-Scherer (Orari: 10.00, 11.00, 14.00, 15.00, 16.00 – prenotazione non obbligatoria ma suggerita e gratuita), alla chiesetta romanica di San Pietro in Bosco che rappresenta il più antico monumento di Ala ed è interessante non solo dal punto di vista architettonico e per i suoi affreschi, ma anche sotto l’aspetto archeologico (apertura chiesetta: 10.15-12.30 e 14-16.30 + bus navetta a partire dalle 10.00 e dalle 13.45, durata della visita: circa 30’ + spostamento, prenotazione non necessaria), alla chiesa di Santa Maria Assunta che sorge sul poggio più alto della città e domina incontrastata sulla valle: nel Settecento le famiglie più abbienti e le corporazioni di Ala gareggiarono nella sistemazione e decorazione interna della chiesa. Nella vecchia sacrestia è conservata una ricca raccolta di oggetti e paramenti sacri (apertura chiesa e sacrestia: 14 – 16.30, durata della visita: circa 1h, prenotazione non necessaria). Alle ore 13.30 si svolgerà il corteo storico in costume per le vie della città, con partenza da Via Soini e arrivo in Piazza San Giovanni alle ore 14.00.

Immancabili e coinvolgenti le attività per bambini, a partire dalle ore 10 di domenica mattina: Caccia al tesoro fotografica, per scovare un particolare nel centro storico ed estrazione di piccoli premi; Gentili dame truccano bambini e adulti in Piazza San Giovanni; Visita-quiz al centro storico di Ala per famiglie con gioco e intrattenimento per i piccoli curiosi.

Inoltre, animazioni a sorpresa lungo il percorso delle visite e mostre fotografiche in vari luoghi del centro storico: Gruppo Ottoni della Banda Sociale di Ala (dalle 10.30 alle 12.00), Letture con arpista: Prometeo e il dono del fuoco, Balli settecenteschi, La vestizione e Le dame di velluto e L’ipocondriaco.

Palazzo De’ Pizzini Di Lenna ospita una straordinaria collezione di pianoforti dei tempi di Mozart, Beethoven, Schubert, Chopin e Liszt che, restaurati nel loro antico splendore, offrono l’opportunità di ripercorrere momenti di una storia di cui essi hanno fatto parte. La pianista Temenuschka Vesselinova, proprietaria della collezione, conduce le visite guidate al museo, invitando a rivivere antiche sonorità in un’atmosfera magica di altri tempi (prenotazione obbligatoria). Invece presso Cortile Palazzo Azzolini e in Via Cesare Battisti, la mostra Gelso, Velluto, Seta propone un percorso alla scoperta del variegato universo del velluto: dalla coltivazione del baco da seta alla successiva produzione del prezioso manufatto, dal velluto liscio allo jacquard. Infine, presso Palazzo Malfatti Scherer verrà data dimostrazione dal vivo dell’ammostatura dell’uva con degustazione di vini del territorio, del lavoro degli apicoltori con degustazione del miele, della frangitura delle olive in collaborazione con l’Accademia dell’olio dell’Alto Garda trentino.

La manifestazione è organizzata dal Comune di Ala in collaborazione con il Touring Club Italiano e con Associazione Culturale Vellutai Città di Ala, Museo del Pianoforte Antico, Circolo ACLI Ala, Banda Sociale di Ala, Euposia Billy Wine Club, Associazione Teatrale Alense, Gruppo Amici del Teatro di Serravalle, Associazione La Montagna in città, Circolo Fotoamatori di Rovereto, Accademia dell’Ulivo e dell’Olio del Garda, Aziende vitivinicole del territorio, proprietari di cortili e palazzi del centro storico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136