QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tour de France, il trentino Moreno Moser terzo sull’Alpe d’Huez

giovedì, 18 luglio 2013

Bourg d’Oisans- Un trentino è stato protagonista nella tappa odierna del Tour de France, la più grande corsa ciclistica mondiale a tappe. In tanti si aspettavano uno squillo del giovane Moreno Moser, classe ’90 e partecipante al Tour che finora non aveva fatto granché nella corsa scattata tre settimane fa. Oggi il giovane ciclista  trentino si è fatto vedere su strade importanti e prestigiose come quelle che portano all’Alpe d’Huez, arrivando terzo nella tappa vinta da Riblon. SAM_3456

Nella Gap-Alpe d’Huez Moser è andato in fuga sulla prima ascesa di giornata, un gran premio di seconda categoria (Col de Manse). Dopo oltre cento chilometri di fuga in compagnia di altri sette, Moser sulla prima salita all’Alpe d’Huez ha scaldato la gara stando al comando con soli altri due compagni, Cristophe Riblon della Française de Jeux e Tj Van Garderen della Bmc.

GLI ULTIMI CHILOMETRI LIVE

ARRIVO: Riblon vince dopo l’impresa di due anni fa a Aix-3-Domaines. Secondo Van Garderen a 58”.Moreno Moser terzo a 1’31′, davanti ai big Quintana e Rodriguez. Poi Froome, sempre più dominatore di questo Tour nonostante la poca brillantezza degli ultimi chilometri della tappa odierna.

2 KM ALL’ARRIVO Riblon prende e sorpassa Van Garderen ed è prossimo al primo successo francese in questo Tour de France. Moreno Moser è terzo a 1’15” dalla testa

3KM ALL’ARRIVO Van Garderen in difficoltà: vantaggio di soli venti secondi su Riblon, in recupero.

5 KM ALL’ARRIVO Dietro è battaglia vera: Quintana e Rodriguez attaccano, Froome è in crisi di zuccheri e perde dai due contrattaccanti.

6 KM ALL’ARRIVO La situazione non cambia: il distacco della maglia gialla è di 3’30”. Moser scivola sempre più indietro e può lottare solo per un piazzamento. Positiva comunque la prestazione del giovane trentino, protagonista in una tappa dal percorso leggendario e non adatta alla perfezione alle sue caratteristiche.

8 KM ALL’ARRIVO Van Garderen tiene al comando della gara. Il primo inseguitore, Riblon, a 40 secondi. A 4’15” Rodriguez con Quintana e Froome. Contador a cinque minuti dal battistrada

10 KM ALL’ARRIVO Pochissime le speranze di recupero di Moser, ormai a oltre un minuto. Dietro Froome fa di nuovo il vuoto, solo Quintana tiene: il gruppo è staccato di venti metri

11 KM ALL’ARRIVO Allungo di Froome: ripreso Valverde, il distacco scende a 4’24”

12.4 KM ALL’ARRIVO Sempre Van Garderen e Riblon al comando con una trentina di secondi di vantaggio sulla coppia Moser-Voigt. Dietro il gruppo va forte: 5′ 15” di distacco e iniziano gli attacchi di Valverde.

13 KM ALL’ARRIVO Moser si stacca come sulla salita precedenza: già cinquanta metri di distacco

13,8 KM ALL’ARRIVO Inizia l’Alpe d’Huez: il trentino non parte favorito ma conterà quanto i tre hanno speso negli oltre 150 chilometri di fuga

18 KM ALL’ARRIVO Rientra Van Garderen: un terzetto al comando con Moser. Il gruppo a 7:25, tirato dalla Movistare che vuole la vittoria di tappa con Quintana e Valverde

20 KM ALL’ARRIVO La situazione: Moser e Riblon davanti a pochi cilometri dall’attacco all’ultima salita dell’Alpe d’Huez. A trenta secondi di distacco Van Garderen. Un gruppetto formato da Nieve, Andy Schleck, Chavanel e Poels è a oltre sei minuti, dietro Contador all’attacco con  Kreuziguer con 20 secondi di vantaggio su Froome e gli altri uomini di classifica.

SAM_3462
26 KM ALL’ARRIVO In discesa Moser ha sfruttato le disavventure dei due compagni di fuga di Bmc e FdJ. Ora è al comando della corsa con Riblon. Dietro la corsa si scalda con l’attacco di Contador: questo non farà felice il trentino della Cannondale, sul quale il gruppo guadagnerà. Sette minuti il vantaggio sul gruppo. 42” sull’inseguitore Tj Van Garderen


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136