QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Tesero, inaugurato il primo percorso di Alta formazione professionale per il turismo

martedì, 10 gennaio 2017

Tesero - Un investimento sul futuro: inaugurato a Tesero il primo percorso di Alta formazione professionale in campo turistico.

Un investimento sul futuro dei giovani ma anche sul futuro del turismo, che deve puntare sempre di più sul binomio qualità-identità: questo in sintesi il significato del percorso biennale di Alta formazione professionale per Tecnico dei servizi della filiera turistica e ricettiva, inaugurata stamani a Tesero e rivolto a giovani, delle valli di Fiemme e Fassa ma non solo, che hanno già completato un ciclo di formazione secondaria, tipicamente nel ramo alberghiero, e vogliono affinare ulteriormente la loro preparazione. Progettato dalla Provincia in accordo con le istituzioni locali, L’Enaip e le associazioni di categoria che operano a vario titolo nell’universo dei turismo alpino, il percorso, della durata di due anni, prevede 3000 ore di formazione, cui oltre 1300 dedicate alla pratica in azienda. 15 gli studenti iscritti alla prima edizione.

scuola-trento-2

“Grazie a tutti coloro che si sono adoperati per avviare questa importante esperienza, dimostrando di saper unire le forze per puntare ad un obiettivo ambizioso, ma grazie soprattutto ai giovani che ci hanno creduto e alle loro famiglie”. ha detto il presidente della Provincia autonoma Ugo Rossi (nella foto a lato), intervenuto anche nelle sue vesti di assessore all’istruzione, alla cerimonia di inaugurazione, assieme al presidente della Comunità di Fiemme Giovanni Zanon, al presidente di Enaip Trentino Arrigo Dalfovo, al coordinatore del corso Fausto Eccher, presenti inoltre i consiglieri provinciali Giuseppe Detomas, Graziano Lozzer, Pietro de Godenz, e numerose altre autorità. Per Rossi nell’offerta turistica oggi l’elemento essenziale è quello dell’autenticità. “Bisogna essere ‘veri’ – ha aggiunto – ma per fare ciò bisogna essere in grado di valorizzare tutti gli elementi positivi del territorio in cui si opera, cosa che i partecipanti a questo percorso saranno messi nella condizione di fare, anche attraverso il confronto con grandissimi professionisti del settore”.

Anche il coordinatore del corso Eccher si è complimentato con i ragazzi che si sono iscritti, decidendo così di impegnarsi per due anni della loro vita, oltre al percorso scolastico già svolto. “In momenti di crisi come questo – ha aggiunto – investire in formazione è la migliore scelta possibile”.

Giovanni Zanon, presidente della Comunità valle di Fiemme, ha sottolineato a sua volta l’importanza di un’esperienza nata dal confronto fra le forze attive del territorio e fra queste e la Provincia, per dar vita ad un percorso innovativo, che coniuga la formazione in aula e il lavoro concreto in azienda. Concetto ripreso da Arrigo Dalfovo, presidente di Enaip, l’ente per la formazione professionale delle Acli che con il suo istituto di Tesero ha organizzato il corso biennale, che ha rimarcato come l’elemento dell’alternanza scuola-lavoro sia il fattore qualificante di questa offerta formativa. (mp)

Il percorso di Alta formazione professionale (AFP) di “Tecnico dei servizi della filiera turistica e ricettiva”

Il percorso di Alta formazione professionale (AFP) di “Tecnico dei servizi della filiera turistica e ricettiva” nasce da una forte richiesta del territorio della Val di Fiemme che fa dello sviluppo turistico un suo punto di forza.

La figura professionale è stata ridefinita rispetto a quella già presente nel Repertorio provinciale delle figure di riferimento dei percorsi dell’alta formazione professionale e progettata in accordo con le associazioni di categoria e con gli enti e le istituzioni che operano a vario titolo nell’universo dei turismo alpino del territorio locale ed ora è fortemente legata allo sviluppo innovativo dell’offerta e dell’immagine turistica territoriale.

La figura è stata poi verificata e condivisa con un tavolo più allargato di imprese turistiche e ricettive, validata dal Comitato dell’alta formazione nel settembre 2016 ed inserita nel repertorio provinciale assieme ad altre nuove figure, ora presenti nell’offerta dell’AFP.

La figura professionale progettata ha caratteristiche polivalenti e trasversali a tutti i comparti della filiera turistica e ricettiva, fornisce competenze per essere in grado di affrontare problematiche tecniche e gestionali relative a progettazione e commercializzazione di prodotti turistici ma anche alla gestione economico finanziaria di unità turistico-ricettive. Il percorso formativo individuato prevede unità formative che coniugano lo sviluppo di queste competenze con l’apporto di importanti professionisti ed esperti del settore.

Più in generale l’Alta formazione professionale sviluppa figure dotate di elevata preparazione in ambienti specifici di eccellenza, in grado di svolgere le proprie attività con significative competenze tecnico-scientifiche e livelli elevati di responsabilità e autonomia. Valorizzando la metodologia dell’alternanza tra l’ambito formativo e quello lavorativo, in raccordo con il sistema della ricerca e produttivo provinciale, fornisce competenze spendibili a livello nazionale ed europeo. I corsi, che hanno natura terziaria non accademica, hanno una durata di due anni, si collocano al quinto livello del quadro europeo delle qualificazioni (EQF) e si concludono con il rilascio di un diploma di tecnico superiore, che ha la stessa validità di quello rilasciato al termine dei percorsi degli Istituti Tecnici Superiori nazionali.

A partire da quest’anno la Provincia ha valorizzato il proprio sistema terziario non accademico e ha fatto un forte investimento nell’ambito dell’AFP aumentando l’offerta dei percorsi con due nuovi percorsi innovativi (tra cui quello di Tesero) e l’avvio annuale di ogni percorso, a differenza del passato, che avveniva a conclusione di ogni edizione (ovvero ogni 2 anni).

Nel caso specifico si tratta della prima edizione di questo percorso e prevede complessivamente una durata di 3000 ore di formazione, di queste oltre 1300 ore saranno dedicate al praticantato (ovvero a tirocini curriculari, denominati in questo modo per evidenziare l’elevato livello di professionalità dove gli studenti si andranno ad inserire, analogamente al percorso dei giovani che entrano negli studi professionali per poter conseguire l’abilitazione alle professioni ordinistiche), dove la formazione nel contesto lavorativo sarà svolta in selezionate aziende di settore.

Gli studenti iscritti sono 15 ed hanno superato una valutazione in ingresso, prima dell’iscrizione al corso. Il percorso è attuato dall’Istituzione formativa paritaria CFP Enaip di Tesero in partenariato con:

▪ Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento;
▪ Unione Albergatori,
▪ Confesercenti del trentino,
▪ Azienda di Promozione Turistica Valle di Fiemme,
▪ Azienda di Promozione Turistica Val di Fassa,
▪ Azienda di Promozione Turistica San Martino, Passo Rolle, Primiero, Vanoi,
▪ Azienda per il Turismo Altopiano di Pinè e Valle di Cembra,
▪ Istituto di Istruzione “La Rosa Bianca”,
▪ Istituto di istruzione di Primiero,
▪ Scola Ladina de Fascia,
▪ Centro Formazione Professionale ENAIP Primiero.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136