QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Spedali Civili Brescia, inaugurati i nuovi Poliambulatori pediatrici

giovedì, 6 luglio 2017

Brescia – Agli Spedali Civili di Brescia sono stati inaugurati i nuovi Poliambulatori pediatrici e la sala criogenica di Medicina trasfusionale. Si è tenuta oggi, presso l’ASST Spedali Civili di Brescia, l’inaugurazione dei nuovi poliambulatori pediatrici e della sala criogenica del servizio di medicina trasfusionale. Nel merito sono intervenuti il Presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali di Regione Lombardia Fabio Rolfi, quindi le autorità bresciane e l’assessore regionale Simona Bordonali. ”La sanità lombarda è un’eccellenza europea e gli Spedali civili di Brescia si consolidano come un punto di riferimento, non solo per la nostra città  e la nostra provincia”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali (nella foto a lato), che ha inaugurato i nuovi Poliambulatori pediatrici e i nuovi locali della Sala criogenica del Servizio di Medicina Trasfusionale degli Spedali Civili di Brescia, realizzati grazie all’investimento di Ubi Banca.bordonali assessore regione

CONNUBIO PUBBLICO PRIVATO FUNZIONA - “Ringrazio chi ha investito per realizzare questi servizi e chi ha individuato questo progetto nell’interesse del futuro del nostro territorio. E’ la dimostrazione – ha aggiunto – che il connubio tra pubblico e privato funziona”.

13 MILIONI PER ASST SPEDALI CIVILI - “La Regione Lombardia, con il programma regionale straordinario di investimenti in sanita’, ha stanziato all’ Asst Spedali Civili di Brescia 12 milioni per l’acquisizione di apparecchiature e le riqualificazioni e il riordino dei servizi e 1 milione di euro come contributo
indistinto. Grazie al lavoro dell’assessore Gallera – ha proseguito l’assessore – stiamo realizzando una riforma sanitaria che mette al centro i bisogni del paziente.

600 MILIONI NEL TRIENNIO 2017/19 – “La Regione Lombardia nel complesso – ha concluso Bordonali – investira’ in sanita’ 600 milioni di euro nel triennio 2017/19, ma le nostre risorse purtroppo non sono infinite e per questo motivo gli interventi dei privati sono un valore aggiunto”.

L’INTERVENTO DI ROLFI - “Si tratta di interventi importantissimi – spiega Rolfi – realizzati per l’ambito pediatrico, resi possibili anche grazie alla generosità di UBI Banca. Con l’inaugurazione di oggi si consolida ulteriormente la già ottima offerta specialistica in campo pediatrico dell’Ospedale dei Bambini, e quindi dell’ASST Spedali Civili di Brescia. Da rimarcare sono gli interventi fatti nell’ambito del Centro regionale di supporto per la Fibrosi cistica. Un’eccellenza lombarda, riconosciuta dalla Regione, con numeri notevoli: 700 visite l’anno, 1523 prestazioni ambulatoriali di fisioterapia e 400 visite pneumologiche annue. Per questo gli interventi comprendono la realizzazione di locali in funzione delle specifiche esigenze dei pazienti, in particolare in relazione alle infezioni respiratorie di cui sono portatori e tre nuovi ambulatori dedicati e attrezzati. A ciò vanno sommate la nuova sede della naonatalogia, con i suoi ambulatori specialistici, e la nuova sala criogenica, per la manipolazione e conservazione del sangue e degli emoderivati”.

Fabio Rolfi

“Tutto ciò dimostra che siamo davvero un punto di riferimento imprescindibile per la Lombardia orientale: lo dimostra anche la grande attrattività dell’ospedale pediatrico, un’eccellenza nazionale per il trattamento di determinate patologie. Non è un caso infatti che il nostro presidio cittadino curi molti bambini, affetti anche da malattie gravi, provenienti da tutto il resto del Paese. Per questi motivi Regione Lombardia ha già riconosciuto l’ospedale come hub nel campo della ‘rete del bambino critico’; adesso siamo impegnati perché si faccia un ulteriore passo in avanti, riconoscendolo e qualificandolo nell’ambito della ‘rete materno-infantile regionale’ come presidio di riferimento per tutta la Lombardia orientale, in maniera analoga a quanto fatto con l’area metropolitana di Milano. L’ospedalino dei bambini è infatti luogo di eccellenza sanitaria, formazione pediatrica e di cura per un’area ben più vasta di quella che è la Provincia di Brescia. Ancora una volta si smentiscono gufi e profeti di sventura; al contrario – conclude Rolfi (nella foto sotto) – la Regione dimostra giorno dopo giorno di credere in questo straordinario ospedale e nel personale che lo rende vivo”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136